A A+ A++

Intercultural Dialogue and New European Citizenship. A contribution to the European Year of Intercultural Dialogue 2008

Léonce Bekemans (2007)

Issued in:

Pace diritti umani - Peace Human Rights, 1/2007

Publication Typology

: Article / Essay

Pages

: 7-23

Language

: EN

Content

Dialogo interculturale e nuova cittadinanza europea

Contributo all’Anno Europeo per il Dialogo Interculturale 2008

Léonce Bekemans

Il saggio illustra i principali risultati del Progetto europeo di ricerca sul tema Il ruolo del dialogo interculturale per lo sviluppo di una nuova (plurale, democratica) cittadinanza. Nella prima parte, il paradigma dei diritti umani viene presentato come il basilare punto di partenza per un autentico dialogo interculturale; nella seconda l’analisi verte su concetti chiave, quali identità, cittadinanza e democrazia, e sull’impatto politico che essi hanno sul dialogo interculturale. Nella parte finale l’autore suggerisce due ambiti istituzionali per lo sviluppo del dialogo interculturale, lo schema dei dialoghi europei e la città inclusiva, e presenta una serie di raccomandazioni per ulteriori ricerche.

I risultati della ricerca sollecitano attività orientate all’azione che assumano il dialogo interculturale come parte della vita quotidiana nel più ampio contesto del dialogo sociale e dell’azione civica ovunque in Europa. Viene proposto un primo percorso in cui operi il ruolo integrativo del dialogo interculturale per lo sviluppo di una nuova cittadinanza in Europa. Utilizzando lo schema dei «dialoghi», l’UE può essere il promotore leader di un dialogo interculturale che coinvolga governi e società civile facendo sì che i diritti umani abbiano un ruolo centrale nella costruzione di una nuova, inclusiva comunità politica europea.

Infine, i risultati della ricerca orientata all’azione, consistenti in raccomandazioni di specifiche politiche pubbliche e di buone pratiche, offre un significativo contributo di sostanza all’Anno Europeo per il Dialogo Interculturale nel 2008.

Last update

16/09/2010

regione del veneto
pace diritti umani