A A+ A++

Cooperazione con iniziative euro-mediterranee

Dal 2009 il Centro diritti umani ha avviato una collaborazione promuovendo iniziative educative e culturali nel quadro dell'Unione per il Mediterraneo.

EMUNI

Nel luglio del 2009, il Centro ha firmato un Protocollo d'intesa con l'Università Euromediterranea EMUNI di Portoroz/Piran, uno dei sei maggiori progetti lanciati nel corso del primo summit dell'Unione per il Mediterraneo, svoltosi a Parigi il 14 Luglio 2008.

Il Protocollo regola la cooperazione tra le due istituzioni nel campo della ricerca accademica e della formazione con l'intento di migliorare la comprensione del processo d'integrazione europea nel contesto delle questioni legate al dialogo interculturale e ai diritti umani e di dare sostegno al partenariato Euromediterraneo, con un focus particolare sulla governance locale e sulle organizzazioni di società civile.

Visita il sito web della EMUNI Università Euromediterranea

Fondazione Anna Lindh

Dal dicembre del 2009 il Centro diritti umani è diventato partner della Fondazione euromediterranea Anna Lindh per il dialogo tra le culture, unendosi alla sua rete italiana di organizzazioni di società civile che lavorano nei settori dei diritti umani, del dialogo interculturale ed interreligioso, dell'educazione, della gioventù, della migrazione, della riconciliazione e dell'arte.

La Fondazione è stata creata nel 2005 su iniziativa del Presidente della Commissione Europea che ha istituito un Gruppo di Alto Livello per studiare gli sviluppi di una strategia di dialogo interculturale nella Regione Euromediterranea.

Visita il sito web della Fondazione Anna Lindh

Ulteriori approfondimenti circa il Primo Forum della Fondazione Anna Lindh a Barcellona, 2010

Risorse

Immagini

Logo ufficiale della Fondazione Anna Lindh per il dialogo tra le culture
Logo della Università Euromediterranea che rappresenta una lettera E ed una lettera M stilizzate componenti la metà superiore di un cerchio che le comprende. La parte superiore, un semicerchio blu scuro, rappresenta il Mar Mediterraneo
regione del veneto
pace diritti umani