A A+ A++

Le Cattedre Jean Monnet dell’Università di Padova alla Conferenza della ECSA-World 2010.

Nei giorni 25-26 maggio si è svolta a Bruxelles, presso il Parlamento Europeo, la Conferenza mondiale organizzata dalla European Community Studies Association (ECSA-World) in collaborazione con la Commissione Europea, Direzione Generale dell’Educazione e della Cultura.

Dopo il discorso d’apertura del Presidente della Commissione, José Manuel Barroso, gli oltre quattrocento partecipanti, Professori Jean Monnet provenienti da settanta paesi dei vari continenti, hanno discusso il tema: “L’Unione Europea dopo il Trattato di Lisbona”.

Per l’Università di Padova hanno partecipato i Professori Léonce Bekemans, Cattedra Jean Monnet di Globalizzazione e inclusione nell’Unione Europea e coordinatore accademico del Centro Europeo d’Eccellenza Jean Monnet sul dialogo interculturale e i diritti umani, Marco Mascia, Cattedra Jean Monnet di Sistema politico dell’Unione Europea e Direttore del Centro interdipartimentale sui diritti della persona e dei popoli, Francisco Leita, Cattedra Jean Monnet di Diritto degli scambi internazionali, Antonio Papisca, Cattedra Jean Monnet ad honorem.
Il paper presentato dal Centro diritti umani dell’Ateneo patavino ha per titolo: “Plenitudo iuris, plenitudo civitatis: l’adhésion de l’Union Européenne à la Convention européenne pour la sauvegarde des droits de l’homme et des libertés fondamentales”.

In coincidenza con la Conferenza, è avvenuto l’insediamento del Consiglio Universitario Europeo per il Programma Jan Monnet nel suo nuovo status di ‘comitato di esperti’ presso la Commissione Europea. Creato nel 1990 quale autonoma espressione delle associazioni europee dei rettori e dei professori attivi nel campo degli studi sull’integrazione europea, si compone oggi di 13 professori Jean Monnet ed è presieduto dal Prof. José-Maria Gil Robles, Cattedra Jean Monnet ed ex Presidente del Parlamento Europeo. E’ stato chiamato a farne parte anche il Prof. Antonio Papisca, già membro del precente Consiglio Universitario dal 1990 al 2004. Il nuovo Consiglio Universitario Europeo si è dato come obiettivo prioritario quello di contribuire allo sviluppo di una organica politica dell’educazione da parte delle istituzioni dell’Unione Europea.

Aggiornato il

28/5/2010

regione del veneto
pace diritti umani