A A+ A++
Fratelli dell’Uomo: installazione "Amazzonia a 360°"

Amazzonia a 360°

Installazione multimediale sui temi della cooperazione internazionale e della difesa dell’ambiente

Lunedì 4 dicembre 2017 dalle 11.00 alle 19.30 Martedì 5 dicembre dalle 9.15 alle 18.30

via Oberdan, lato Palazzo Moroni, Padova

via Oberdan

PADOVA (PADOVA)

L'Associazione Fratelli dell’Uomo, come evento speciale del 35° anniversario del Centro di Ateneo per i Diritti Umani dell’Università di Padova "Antonio Papisca" e grazie al sostegno del Comune di Padova (Assessorato alla Cooperazione Internazionale), mette a disposizione gratuitamente a tutta la cittadinanza di Padova un'installazione multimediale dal titolo "Amazzonia a 360°".

L'installazione sarà aperta al pubblico in via Oberdan, lato Palazzo Moroni, Padova, lunedì 4 dicembre 2017 dalle 11.00 alle 19.30 e martedì 5 dicembre dalle 9.15 alle 18.30.

L'obiettivo dell'Associazione è di comunicare e sensibilizzare in modo nuovo sui temi della cooperazione internazionale e della difesa dell’ambiente. Indossando un visore per la realtà virtuale, il visitatore dell’installazione multimediale sarà catapultato nel mondo di Francisco, indio Yanesha, che sta cercando di riforestare una parte di foresta amazzonica che è stata abbattuta. L’uso della Virtual Reality permetterà al visitatore di vivere un’esperienza immersiva a 360°, provando direttamente sulla propria pelle cosa significa lavorare quotidianamente per la tutela della propria terra, della propria acqua, dei propri boschi per un indio amazzonico il cui ambiente naturale è in pericolo.

Fratelli dell’Uomo dal 1969 sostiene le comunità locali nel Sud del mondo con azioni di riforestazione, aiuto all’agricoltura di comunità, protezione della biodiversità e tutela dell'accesso alle risorse naturali. In Italia forma le nuove generazioni sulle tematiche della sovranità alimentare, del rispetto dell’ambiente e tramite il progetto “Social Day” della cittadinanza attiva giovanile.

Ente promotore

Fratelli dell’Uomo

Aggiornato il

29/11/2017

regione del veneto
pace diritti umani