A A+ A++

Corso su “Sport e diritti umani nel diritto dell'UE” alla Facoltà di Scienze politiche dell’Università di Padova nell’ambito del Programma Jean Monnet della Commissione europea

Adesioni entro il 15 febbraio 2009

Facoltà di Scienze Politiche

Padova (Padova)

Lo sport e l’educazione fisica sono eccellenti mezzi per promuovere l’educazione, la salute e la tutela dell’ambiente, lo sviluppo e la pace, nonché valori sociali quali lo spirito di  squadra, la competizione leale, la cooperazione, la solidarietà, i diritti umani. Le iniziative sportive possono essere mezzi per combattere l’esclusione sociale, la violenza, le ineguaglianze, il razzismo e la xenofobia. Organizzazioni internazionali quali l’ONU, l’UNESCO, l’Unione Europea, il Consiglio d’Europa hanno adottato varie dichiarazioni sul ruolo dello sport per la promozione dei diritti umani internazionalmente riconosciuti.

Il Corso “Sport e diritti umani nel diritto dell'UE” porta sullo studio delle relazioni tra i diritti degli individui, sportivi e non, e delle regole dello sport nella sua dimensione comunitaria e internazionale. Il Corso tratterà, fra gli altri, i seguenti argomenti: normativa nazionale e internazionale contro il doping nello sport, sport e diritti economici, sport e discriminazione, protezione della donna atleta, tutela della salute dell’atleta, protezione e tutela del minore nel diritto europeo dello sport, sfruttamento del lavoro minorile, tregua olimpica e diritto alla pace (Vedi Programma del Corso).

Il Corso si rivolge agli studenti della Laurea specialistica in “Istituzioni e politiche dei diritti umani e della pace” e agli studenti delle altre lauree specialistiche della Facoltà di Scienze Politiche. La durata del Corso è di 30 ore (4 CFU). Chi supera l’esame ottiene il certificato Jean Monnet.

Il Corso è tenuto dall’Avv. Jacopo Tognon, titolare di un Modulo Europeo Jean Monnet, componente italiano del Tribunal Arbitral du Sport di Losanna.

Gli studenti interessati sono pregati di mandare una mail di adesione al docente (jacopo.tognon@unipd.it) entro il 15 febbraio 2009. Le lezioni inizieranno nel secondo semestre con orario che verrà comunicato.

Programma del Corso

DIRITTI UMANI E SPORT NEL DIRITTO DELL’UE

 

Anno Accademico 2008-2009

Nome del Docente responsabile: Dott. Jacopo Tognon (Cattedra Jean Monnet)

SSD (settore scientifico disciplinare di riferimento del corso): IUS/14

 

Ordinamento DM 509:

Corso di Laurea specialistica: Istituzioni e politiche dei diritti umani e della pace

Numero di crediti attribuiti: 4

Numero di ore: 30

Anno di Corso: esame a libera scelta

 

 

PREREQUISITI E/O EVENTUALI PROPEDEUTICITA’:

non si richiede alcun esame propedeutico

 

PROGRAMMA:

L’insegnamento “Diritti umani e sport nel diritto dell’UE” è cofinanziato grazie al Programma Jean Monnet della Commissione Europea. L’obiettivo che si vuole raggiungere attraverso il corso è quello di studiare le relazioni tra la tematica dei diritti della persona e le macro aree di Sport ed Europa.

Il Corso tratterà i seguenti argomenti:

 

Parte Generale:

 

·        L’organizzazione internazionale dello Sport: Federazioni, CIO, e Tribunale Arbitrale dello Sport di Losanna.

·        Gli atti di diritto comunitario riferibili allo sport: dalla dichiarazione n. 29 allegata al Trattato di Amsterdam del 1997 fino al Libro Bianco della Commissione del luglio 2007 e al nuovo art. 149 del Trattato CE come emendato dal Trattato di Lisbona.

·        Sport e diritti economici: La libera circolazione dei lavoratori sportivi: le principali sentenze della Corte di Giustizia e il caso Bosman; cenni di politica della concorrenza nel settore sportivo; aiuti di Stato, antitrust e diritti televisivi.

·        Il fenomeno del doping in ambito comunitario: atti rilevanti, istituzioni e fonti normative nazionali ed internazionali; L’agenzia mondiale contro il doping nello sport (WADA) e la tutela della salute dell’atleta; la Risoluzione di Madrid al III° Convegno internazionale sul Doping nello sport

 

Parte Speciale:

 

·        Dal diritto dello sport al diritto allo sport: una lettura orientata degli atti internazionali rilevanti. Impatto dello sport nei diritti umani secondo le regole dettate dall’Unione Europea.

·        Sport e discriminazione; la condizione giuridica dello straniero nella legislazione nazionale e in ambito comunitario; la protezione della donna atleta.

·        La reazione dell’ordinamento europeo ed internazionale per la violazione dei diritti umani: le sanzioni sportive lesive dei diritti della persona e la tutela del lavoratore atleta.

·        La protezione e la tutela del minore nel diritto europeo dello sport; il tesseramento dei minori; lo sfruttamento del lavoro minorile. 

·        La tregua Olimpica e i Giochi Olimpici come contenitore della tutela dell’individuo

 

 

TESTI DI RIFERIMENTO:

Jacopo Tognon (a cura di), Diritto Comunitario dello Sport, Giappichelli 2009 (in corso di pubblicazione) limitatamente ai capitoli che verranno indicati dal docente.

Sarà anche disponibile un  dossier sui diritti umani in ambito sportivo.

 

ORGANIZZAZIONE DELLA DIDATTICA (lezioni, esercitazioni, laboratorio, etc):

Il Corso si svolgerà nel secondo semestre.

Per conseguire l’attestato Jean Monnet occorre frequentare l’80% delle lezioni e superare l’esame.

 

METODI DI VALUTAZIONE (prova scritta, orale etc.):

La verifica del profitto verrà effettuata mediante prova orale. Si valuteranno la completezza e l’approfondimento della preparazione, l’esattezza e il collegamento sistematico delle nozioni, la coerenza dell’esposizione.

 

EVENTUALI ATTIVITA’ DI SUPPORTO ALLA DIDATTICA:

Faranno parte del programma anche eventuali slides e documentazione che verrà distribuita nel corso delle lezioni.

Informazioni

Per contatti con il docente scrivere a jacopo.tognon@unipd.it specificando il Corso di laurea in cui si è iscritti

Aggiornato il

14/09/2009

regione del veneto
pace diritti umani