A A+ A++

Giovedì 14 gennaio a Padova inaugurazione delle mostre "L'esempio dei giusti" e "Shalom a Canove"

Mostre in occasione della Giornata della Memoria 2016

dal 15 gennaio al 7 febbraio 2016

Scuderie palazzo Moroni

via VIII febbraio

Padova (Padova)

Giovedì 14 gennaio alle ore 18.00 a Padova nelle Scuderie di Palazzo Moroni saranno inaugurate le mostre "L'esempio dei Giusti" e "Shalom a Canove" con gli interventi di Giuliano Pisani, Vice Presidente del Comitato scientifico Giardino dei Giusti del Mondo di Padova; Davide Romanin Jacur, Presidente Comunità Ebraica di Padova; Carlo Fumian, Direttore CASREC (Centro di Ateneo per la Storia della Resistenza e dell’età contemporanea); Giorgio Spiller, curatore della mostra Shalom a Canove.

La mostra "L’ESEMPIO DEI GIUSTI. Si può sempre dire un sì o un no" allestita alle Scuderie di Palazzo Moroni, racconta le storie esemplari di Giusti italiani, riconosciuti a Yad Vashem e/o nel Giardino dei Giusti del Mondo di Padova, con una particolare attenzione ai Giusti che hanno operato nel nostro territorio.

La mostra "SHALOM a Canove", allestita nel Cortile Pensile di Palazzo Moroni, documenta le tante storie di solidarietà umana avvenute a Canove di Roana (VI), dove tra il 1941 e l’8 settembre 1943 vennero ospitati in soggiorno coatto una cinquantina di ebrei in fuga dai nazisti.

Nello spazio espositivo delle Scuderie di Palazzo Moroni sono esposte anche le opere del ciclo Inumano dell’artista Marco Chiurato.

Le mostre vengono allestite in occazione delle celebrazioni del Giorno della Memoria. Il 27 gennaio 1945 l'Armata Rossa apriva i cancelli del campo di sterminio di Auschwitz, rivelando al mondo gli orrori che vi erano stati consumati. Nel 2000 il Parlamento italiano istituiva il 27 gennaio "Giorno della Memoria", in "ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti".

In Italia, la tragedia della Shoah colpì il popolo ebraico con le leggi razziali del '38 e, successivamente, con le deportazioni, iniziate con l'occupazione nazista avvenuta dopo l'armistizio dell'8 settembre 1943. Anche altre persone e categorie furono perseguitate dal regime, "colpevoli" di una diversità di idee, di valori, di appartenza etnica o religiosa. 

L'ngresso è libero.

Ente promotore

Comune di Padova

Informazioni

giusti@comune.padova.it - cultura@comune.padova.it

regione del veneto
pace diritti umani