A A+ A++

Cittadinanza e Costituzione: apprendere l’Unione Europea a scuola

Il progetto “Cittadinanza e Costituzione: Apprendere l’Unione Europea a Scuola” rientra nell’ambito del Programma Jean Monnet/Attività di informazione e ricerca/Apprendere l’Unione Europea a Scuola, approvato dalla Commissione Europea, ed ha avuto come partner il MIUR e l'Agenzia Nazionale per lo Sviluppo dell'Autonomia Scolastica (ANSAS, ex Indire).

Obiettivo generale del progetto è stato quello di aumentare il livello di conoscenza generale dell'Unione Europea, mentre l’obiettivo specifico è stato duplice, da un lato formare un gruppo di insegnanti-tutor provenienti da tutte le regioni italiane sul tema dei diritti umani e della cittadinanza attiva nell’Unione Europea, dall’altro elaborare un percorso formativo per l’apprendimento dell’Unione Europea a scuola quale parte integrante dell’insegnamento di “Cittadinanza e Costituzione” (L.169/2008 e C.M. n. 86/2010).

Il progetto si è sviluppato in quattro fasi:

-  Prima fase: organizzazione di due Seminari nazionali di formazione :

Il primo Seminario sul tema Apprendere l'Unione Europea a scuola: diritti umani, sussidiarietà, multi-level governance nel sistema dell'Unione Europea (Padova,  2, 3, 4 aprile 2012).
Il secondo Seminario sul tema Curriculum development relativo all’apprendimento dell’UE a scuola: contributo alla preparazione del modulo formativo (Sorrento, 27, 28 e 29 maggio 2012).

- Seconda fase: attivazione di cinque forum tematici per la discussione ed il confronto fra corsisti sulla piattaforma e-learning dell’Ansas (exINDIRE)

- Terza fase: elaborazione, da parte dei docenti, di mappe concettuali e obiettivi didattici, utili per la costruzione di un curricolo sull’integrazione europea nell’ambito di Cittadinanza e Costituzione, riuniti nel documento “Contributi degli insegnanti-tutor a conclusione del percorso di formazione”.

- Quarta fase: predisposizione di sei newsletters tematiche e proposta conclusiva del percorso formativo per le scuole "Unione Europea, diritti umani, cittadinanza".

regione del veneto
pace diritti umani