A A+ A++
5/11/2007 (Archivio storico)
Logo per il 25° Anniversario del Centro Diritti Umani dell'Università di Padova (1982-2007), che unisce il numero 25 con i riferimenti istituzionali.
© Centro Diritti Umani - Università di Padova

1982-2007: 25° anniversario del Centro interdipartimentale di ricerca e servizi sui Diritti della persona e dei popoli, Università di Padova


Il Centro è stato istituito nel 1982 per iniziativa Facoltà di Scienze Politiche, di cui era Preside il Prof. Antonio Papisca. E’ una delle prime strutture specializzate in materia di diritti umani, in Europa e nel mondo, formalmente incardinate nel sistema universitario.

Nel 2002, a vent’anni dalla sua istituzione, il Centro assume carattere  interdipartimentale con gestione amministrativa autonoma.

Fin dall’inizio, il Centro si dedica a radicare l’insegnamento dei diritti umani nei curricula universitari, prima a livello post-universitario, mediante la realizzazione di Corsi di perfezionamento annuali (finora 20), successivamente nei corsi di laurea.

Per iniziativa del Centro, nel 1988 viene istitutita presso l’Università di Padova la “Scuola di specializzazione in Istituzioni e tecniche di tutela dei diritti umani”.

Su invito della Commissione Europea, nel 1997 il Centro promuove la creazione dello “European Master Degree in Human Rights and Democratisation”, E.MA, con il partenariato iniziale di altre 9 prestigiose Università europee, divenute oggi 41: il Comune di Venezia ne ospita la sede. Durante la sua gestione del Master Europeo (1997-2003), il Centro promuove l’istituzione dello “European Inter-University Centre for Human Rights and Democratisation”, EIUC, e dello “European Joint Degree on Human Rights and Democratisation” del quale l’Università di Padova continua ad essere “università di prima iscrizione” (first enrolment university).

Sempre per iniziativa del Centro diritti umani, nell’anno accademico 2002-2003 vengono attivati il curriculum “relazioni internazionali e diritti umani” all’interno del Corso di laurea triennale in “Scienze politiche e Relazioni internazionali”, e il Corso di laurea magistrale in “Istituzioni e politiche dei Diritti umani e della Pace”.

I laureati che hanno finora frequentato i Corsi di perfezionamento sono 800.

100 sono i laureati che hanno ottenuto il Diploma di Specialista in Istituzioni e Tecniche di Tutela dei Diritti Umani.

800 sono i Diplomati del Master Europeo in Diritti Umani e Democratizzazione, provenienti da oltre 50 paesi.

Quale riconoscimento delle attività realizzate nel campo dell’insegnamento e della ricerca e per il ruolo avuto nella creazione del Master Europeo, nel 1999 è stata istitutita presso il Centro, sulla base dell’accordo firmato dal Direttore Generale dell’UNESCO e dal Rettore dell’Università di Padova, la Cattedra UNESCO in Diritti Umani, Democrazia e Pace.                      

La collaborazione con la Regione del Veneto è in atto fin dalla creazione del Centro. In virtù dell’articolo 2 della Legge regionale del Veneto 30 marzo 1988, n.18 per la promozione di una cultura di pace, successivamente rivista e ampliata con Legge regionale 16 dicembre 1999, n. 55 “Interventi regionali per la promozione dei diritti umani, la cultura di pace, la cooperazione allo sviluppo e la solidarietà”, il Centro gestisce l’Archivio Regionale (dabase) “Pace diritti umani-peace human rights” e pubblica il Bollettino “Archivio pace diritti umani-peace human rights”.

La collaborazione con la Regione del Veneto si estende oggi, sulla base di apposite convenzioni, anche al Difensore Civico Regionale e al Tutore Pubblico dei Minori.

“Pace diritti umani/peace human rights” è la Rivista quadrimestrale del Centro (con saggi in italiano e in inglese), pubblicata presso Marsilio Editore, Venezia.

Tra le pubblicazioni del Centro, si segnalano le collane “Studi e ricerche sui diritti umani” (Cedam, Padova), “Quaderni del Centro Interdipartimentale”, “I Tascabili del Centro Interdipartimentale”.

Tra le pubblicazioni più recenti, si segnala il volume “Intercultural Dialogue and Citizenship. Translating Values into Actions. A Common Project for Europeans and Their Partners” a cura di L.Bekemans, M.Karasinska-Fendler, M.Mascia, A.Papisca, C.A.Stephanou, P.G.Xuereb, Venezia, Marsilio, 2007, pp.665, frutto di un progetto maggiore europeo di ricerca cofinanziato dalla Commissione Europea e dalla Regione del Veneto con la partecipazione di docenti e ricercatori di Università di Belgio, Germania, Giappone, Grecia, Israele, Italia, Malta, Marocco, Messico, Polonia, Spagna, Turchia,

Sul terreno dell’educazione e della formazione, il Centro collabora con le istituzioni della Difesa civica, con gli istituti di istruzione scolastica, con gli enti di governo locale e regionale, con il mondo dell’associazionismo e del volontariato.

Il Centro ha gestito la Commissione diritti umani nella prima fase di funzionamento (1990-1993) della “Helsinki Citizens Assembly” (Assemblea dei Cittadini di Helsinki), ideata tra gli altri da Vaclav Havel.

Il Centro ha ospitato e attivamente partecipato all’organizzazione della sessione del Tribunale Permanente dei Popoli dedicata al tema della conquista dell’America nel 1992.

Aggiornato il

16/7/2009

regione del veneto
pace diritti umani