A A+ A++
10/12/2018
Intervento del prof. Marco Mascia in occasione delle celebrazioni per il 70° anniversario della Dichiarazione universale dei diritti umani, 10 dicembre 2018, Padova
Roberto Brancolini

A 70 anni dalla Dichiarazione Universale: la bussola da non perdere. Intervento del prof. Marco Mascia a “Il Bo Live”

Il prof. Marco Mascia, Direttore del Centro di Ateneo per i Diritti Umani “Antonio Papisca”, ha pubblicato un articolo su “Il Bo Live” in occasione del 70° anniversario della Dichiarazione universale dei Diritti Umani delle Nazioni Unite.

"La Dichiarazione Universale, oltre ad articolare un elenco di diritti e libertà fondamentali, sia civili e politici, sia economici, sociali e culturali esplicita un corredo di principi fondamentali.
I diritti umani sono innati, quindi inviolabili e inalienabili. Ineriscono alla dignità della persona. Diventano diritto positivo in virtù del loro riconoscimento, non della loro attribuzione. [...]

La dignità umana è valore fondativo dell’ordinamento mondiale e di qualsiasi altro ordinamento a qualsiasi livello ed è posta al di sopra della sovranità dello Stato. I diritti umani, tutti i diritti umani - civili, politici, economici, sociali, culturali – sono interdipendenti e indivisibili. [...]

I governanti di oggi hanno perso la bussola che i governanti di ieri, dopo due guerre mondiali e oltre cento milioni di morti, avevano costruito con la Carta delle Nazioni Unite e la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. Quella bussola è la "bussola dei diritti umani" con i suoi quattro punti cardinali ovvero le direzioni fondamentali verso le quali orientare il cammino della nostra società globale: libertà, uguaglianza, dignità e diritti. Il Diritto della dignità umana, ha scritto Antonio Papisca, è "la bussola la cui capacità di orientare è in corretto rapporto di scala con l’ordine di grandezza delle esigenze di gestione della multi-level governance nello spazio-mondo".

Nel 70° anniversario della Dichiarazione Universale occorre ribadire con forza che questa conquista è irrinunciabile e che va pertanto difesa e sviluppata nello scrupoloso rispetto dei principi di universalità, interdipendenza e indivisibilità di tutti i diritti umani".

Per leggere il testo integrale dell'articolo consultare il link seguente:

https://ilbolive.unipd.it/it/news/70-anni-dalla-dichiarazione-universale-bussola-non

regione del veneto
pace diritti umani