A A+ A++
18/7/2013
scena di una parata religiosa durante una festa tradizionale in Mongolia
© © UNESCO/Michel Setboun

Accogliere lo straniero: affermazioni per i leader delle comunità religiose

Welcoming the Stranger: Affirmations for Faith Leaders è il titolo di un importante documento preparato da una coalizione di organizzazioni umanitarie a base religiosa e di isituzioni accademiche allo scopo di ispirare i leader di tutte le comunità religiose ad accogliere lo straniero con dignità, rispetto e sostegno amorevole.

Il documento si compone di due parti. La prima presenta 16 promesse, espresse in prima persona, che i leader di tutte le comunità religiose devono affermare e condividere relativamente al dovere, comune alle rispettive tradizioni religiose, di accogliere, onorare e proteggere lo straniero e le persone appartenenti ad altre fedi con rispetto e in uno spirito di eguaglianza. La seconda parte contiene un breve elenco di principi tratti dai testi sacri delle principali religioni che sostengono questa comune comprensione e dimostrano quindi il motivo per cui i leader di tutte le comunità religione possono aderire a queste promesse e condividerle.

Il gruppo interreligioso che ha preparato il documento in questione è stato convocato nel febbraio del 2013 in risposta alla richiesta da parte dell'Alto Commissario per i rifugiati di sviluppare un codice di condotta per leader religiosi finalizzato all'accoglimento di migranti, rifugiati e sfollati e contrastare assieme la xenofobia. Tale richiesta è stata presentata nel corso del Dialogo dell'Alto Commissario con i leader religiosi, le organizzazioni umanitarie, il mondo universitario e i rappresentanti dei governi di tutto il mondo sul tema “protezione e fede”, avvenuto nel dicembre del 2012.

Il documento, disponibile in inglese, francese, spagnolo, arabo, cinese, ebraico e russo, e allegato nel box sottostante, verrà utilizzato dai gruppi religiosi come strumento pratico volto al sostegno di rifugiati e sfollati nelle proprie comunità di appartenenza.

regione del veneto
pace diritti umani