A A+ A++
6/1/2017
Colombe, simbolo di pace, liberate nei pressi della moschea di Hazrat-i-Ali, Afhanistan, nella giornata internazionale della pace, che ricorre il 21 settembre.
© UN Photo/Helena Mulkerns

Corpi Civili di Pace: è disponibile il Bando per la selezione di 102 volontari da impiegare in progetti all’estero e in Italia (scadenza 10 febbraio)

Nell’ambito del processo di sperimentazione del contingente dei Corpi Civili di Pace, il Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha reso pubblico il Bando per la selezione di 102 giovani volontari da impiegare in azioni di pace non governative nella aree di conflitto o soggette a rischio di conflitto o nell’area dell’emergenza ambientale.

Nel complesso sono disponibili 19 progetti per complessivi 102 volontari. 16 progetti saranno realizzati all’estero per un coinvolgimento totale di 78 volontari (12 progetti riguardanti le aree di conflitto e a rischio di conflitto o post conflitto, per un totale di 54 volontari; e 4 progetti riguardanti l’emergenza ambientale, per un totale di 24 volontari); 3 progetti riguardano l’emergenza ambientale in Italia e coinvolgeranno un totale di 24 volontari.

Possono partecipare alla selezione i giovani, senza distinzione di sesso che, alla data di presentazione della domanda abbiano compiuto il diciottesimo e non superato il ventottesimo anno di età e siano in possesso della cittadinanza italiana. Non possono partecipare alla realizzazione dei progetti dei Corpi Civili di Pace gli appartenenti ai corpi militari o alle forze di polizia. La durata del servizio è di 12 mesi.

La domanda di partecipazione, indirizzata direttamente all’ente che realizza il progetto prescelto, deve pervenire allo stesso ente entro e non oltre le ore 14.00 del 10 febbraio 2017.

Il Bando, i nomi dei progetti, gli enti coinvolti, i numeri di volontari per ciascun progetto nonché il modello per la presentazione della domanda di selezione sono disponibili nel sito del Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale all’indirizzo riportato nel box sottostante.

La sperimentazione dei Corpi Civili di Pace si colloca nell’ambito di un più ampio processo che ha visto in tempi recenti l'adozione di una serie di rilevanti atti normativi in materia di servizio civile, nonviolenza e difesa non armata. Nello specifico, l’istituzione di questo contingente di pace figura nell’articolo 1, comma 253, della l. 143/2013 (legge di stabilità 2014) ed è stata minuziosamente disciplinata dal decreto 7 maggio 2015 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali e del Ministro per gli affari esteri e la cooperazione internazionale. La legge 6 giugno 2016 ha istituito il Servizio civile universale “finalizzato… alla difesa non armata della patria e alla promozione dei valori fondativi della Repubblica, anche con riferimento agli articoli 2 e 4, secondo comma, della Costituzione”. La legge 21 luglio 2016, n.145, infine, ha annoverato i Corpi Civili di Pace fra i soggetti deputati a partecipare alle “missioni internazionali istituite nell’ambito dell’ONU o di altre organizzazioni internazionali” a condizione che avvenga “nel rispetto dell’articolo 11 della Costituzione, del diritto internazionale generale, del diritto internazionale dei diritti umani, del diritto internazionale umanitario e del diritto penale internazionale”.

regione del veneto
pace diritti umani