A A+ A++
16/10/2014
Banner "Abbiamo diritto alla pace", Marcia PerugiAssisi, 19 ottobre 2014

Domenica 19 ottobre studenti e docenti dell’Università di Padova alla Marcia PerugiAssisi per il Diritto alla Pace

Domenica 19 ottobre 2014 si svolgerà una grande Marcia per la Pace da Perugia ad Assisi, giunta alla sua ventesima edizione.  Migliaia di persone, famiglie, scuole, associazioni ed Enti locali si metteranno in cammino contro tutte le guerre e contro ogni forma di conflitto, per il diritto alla pace e la fraternità tra individui e popoli.

Cinquanta studenti dell’Università di Padova, muniti di cartelli con la scritta ‘Abbiamo diritto alla pace’ in ventotto lingue, saranno tra coloro che apriranno la Marcia della Pace PerugiAssisi 2014.

Il programma prevede  che, giunti nel Piazzale antistante la Basilica di San Francesco, due di loro leggeranno un messaggio per il riconoscimento internazionale della pace come diritto fondamentale della persona e dei popoli, elaborato dal Centro di Ateneo per i Diritti Umani e dalla Cattedra UNESCO Diritti Umani, Democrazia e Pace dell’Università di Padova.

Con loro saranno i rappresentanti dei circa trecento Comuni, Province e Regioni i cui Consigli hanno finora approvato un articolato Ordine del giorno, preparato dal suddetto Centro e dalla collegata Cattedra UNESCO e diffuso dal Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani.

Il Consiglio regionale del Veneto e molti Consigli comunali della Regione, da ultimo quello di Vicenza, si sono espressi per il diritto umano alla pace con formali delibere.

Mentre dilaga, perfino in Europa, la funesta sindrome della ‘guerra facile’, crescono in Italia il rifiuto della guerra, come sancito dall’articolo 11 della Costituzione, e la voglia di operare sulla via istituzionale alla pace, dove spendere con competenza, passione e tenacia, le risorse del potere leggero (soft power) costituito dalla difesa della legalità fondata sui diritti umani, e dalla pratica della nonviolenza, del dialogo, della solidarietà transnazionale, della soluzione pacifica delle controversie.