A A+ A++
29/4/2017
 Gender-Based Violence (GBV) in the Context of Migration MOOC copertina
© EIUC

EIUC: lanciato il nuovo MOOC - Gender-based violence in the context of migration

Il Centro europeo inter-universitario per i diritti umani e la democratizzazione (European Inter-University Centre for Human Rights and Democratisation EIUC) ha lanciato il nuovo MOOC della Global Campus Open Learning Series sul tema di Gender-Based Violence (GBV) in the Context of Migration. Con il contributo di accademici e di esperti da tutto il mondo, il Massive Open Online Course comincerà il 15 maggio con una durata di 8 settimane (fino al 10 luglio) ed è completamente gratuito.

Il MOOC consiste in circa 40 ore di lezione divise in tre moduli: il primo parla di esempi concreti di violazioni dei diritti umani delle migranti e delle rifugiate - bambine, ragazze e donne - e introduce i concetti chiavi, le definizioni e gli elementi della GBV, focalizzandosi in particolare sullo sviluppo del discorso e degli strumenti internazionali sul tema; il secondo si dedica ai collegamenti tra migrazione, gender e violenza, che vengono analizzati dalla prospettiva dei diritti umani; il terzo modulo conclude con un'osservazione sulle implicazioni pratiche, le sfide e degli esempi positivi e sulle opportunità di cambiamento. Questi moduli verranno presentati tramite video, podcast, dibattiti, seminari web e quiz, per incoraggiare un approccio partecipativo da parte degli studenti attraverso la riflessione critica e la peer-to-peer education. 

Il Centro europeo inter-universitario per i diritti umani e la democratizzazione (EIUC), centro interdisciplinare di eccellenza formato da 41 Università appartenenti a tutti gli Stati Membri dell’Unione Europea, fondato nel 2002 con l’obiettivo di realizzare i valori promossi dall'UE, la promozione dell’istruzione interdisciplinare e di alto livello dei diritti umani, la ricerca ed una comprensione globale e condivisa dei diritti umani e della democrazia, con sede a Venezia.

Risorse

Collegamenti

Aggiornato il

29/4/2017

regione del veneto
pace diritti umani