A A+ A++
11/8/2012
Una suggestiva vista sulla città di Suez, osservata attraverso il buco in un muro appartenente ad un edificio distrutto durante i bombardamenti di fine anni '60.
© UN Photo/Yutaka Nagata

Hague Academy for Local Governance: Corso di formazione in peacebuilding e local governance. L'Aia, 5-16 novembre 2012

La Hague Academy for Local Governance organizza, nell'ambito della sua attività formativa per il 2012, un corso bisettimanale in materia di peacebuilding e local goverance che si terrà all'Aia dal 5 al 16 novembre 2012.

I temi affrontati nell'ambito del corso saranno, tra gli altri, l'analisi della condizione degli enti locali e della politica economica locale in Paesi fragili, la progettazione e l'implementazione di iniziative finalizzate al rafforzamento degli enti locali, l'impatto della governance locale e della decentralizzazione sulla realizzazione di una pace sostenibile e sulla costruzione della legittimazione dello Stato, le forme di coordinamento tra enti locali, settore privato, ONG e altri attori interessati.

Il corso è rivolto al personale di enti donatori, agenzie multilaterali, ONG e funzionari pubblici presso ministeri e enti di governo locale che desiderano approfondire la dimensione locale del peacebuilding in Paesi fragili.

I corsi della Hague Academy sono tenuti da formatori e professionisti con ampia esperienza in materia di decentralizzazione e local governance in diversi Paesi in via di sviluppo o in situazione di post-conflitto in tutto il mondo.

Il costo di questo modulo formativo è di 2890 € e include vitto, materiali didattici e spostamenti durante il programma di formazione (viaggio e alloggio sono esclusi dal costo indicato). La lingua di lavoro è l'inglese. La scadenza per presentare domanda di partecipazione è il 7 settembre 2012.

Alla fine del corso sarà consegnato un attestato di partecipazione.

Maggiori informazioni sul corso e il modulo online per la presentazione della domanda sono disponibili ai collegamenti indicati nel box sottostante.

regione del veneto
pace diritti umani