A A+ A++
21/11/2013
La bandiera dell'Unione Europea: le 12 stelle in cerchio simboleggiano gli ideali di unità, solidarietà e armonia tra i popoli d’Europa.

Il Congresso di Berlino dell’Unione dei Federalisti Europei ha adottato il Manifesto “Verso una Unione Federale”

Dal 16 al 17 novembre si è svolto a Berlino il XXIV Congresso dell’Unione dei Federalisti Europei, a cui hanno partecipato oltre 200 delegati provenienti da tutta Europa.

I lavori sono stati aperti da un intervento di Guido Westerwelle, Ministro degli Affari esteri tedesco, sul futuro dell’Unione Europea e sul ruolo della Germania in Europa.

La Conferenza ha eletto il Parlamentare europeo Elmar Brok quale nuovo Presidente dell’Unione dei Federalisti Europei, ed ha adottato il Manifesto “Verso una Unione Federale”.

Il Manifesto intende promuovere il progetto di un governo democratico e federale per l’Unione Europea, invocando a tal fine la convocazione di una Convenzione costituzionale non più tardi della primavera del 2015, alla quale saranno chiamati a partecipare parlamentari europei e nazionali, insieme a rappresentanti della Commissione e dei Governi nazionali. Obiettivo specifico della Convenzione sarà quello di redigere una nuova “legge fondamentale”, che possa definire in senso federale il sistema di governance dell’Unione Europea.

Tra i vari aspetti rilevanti, il nuovo Trattato dovrà rafforzare le capacità dell’Unione di promuovere i diritti umani al proprio interno così come nelle relazioni internazionali. In particolare, sarà necessario sviluppare una genuina politica comune in materia di immigrazione ed asilo, al fine di trasformare l’area europea di libertà, sicurezza e giustizia in una realtà concreta. La responsabilità per il controllo delle frontiere esterne dell’Unione dovrà essere condivisa in maniera equa, ed i diritti umani dei migranti pienamente rispettati.

L’Unione dei federalisti Europei sottoporrà il Manifesto all’attenzione dei partiti politici e dei candidati alle elezioni del Parlamento europeo del maggio 2014.

regione del veneto
pace diritti umani