A A+ A++
17/4/2018
Bandiere contenenti il logo dell'OSCE in russo, inglese e tedesco di fronte al Palazzo dell'Hofburg a Vienna
© OSCE/Mikhail Evstafiev

L’OSCE e il Comune di Venezia firmano un accordo per approfondire una partnership anti-tratta

Il 12 aprile 2018 a Venezia, Simone Venturini, Assessore alla Coesione Sociale e allo Sviluppo Economico del Territorio del Comune di Venezia, e Madina Jarbussynova, Rappresentante speciale dell'OSCE e Coordinatrice per la lotta alla tratta di esseri umani, hanno firmato un accordo per rafforzare la sinergia nei servizi di tutela delle vittime di tratta e nel contrasto alle reti criminali.

"Attribuiamo grande valore alla nostra partnership con l'OSCE e siamo onorati di poter mettere le competenze dei nostri esperti a disposizione di tutti i 57 Stati partecipanti all'OSCE", ha affermato Venturini. "Siamo fiduciosi che questa cooperazione porterà risultati positivi".

La cerimonia della firma è avvenuta a margine della conferenza “La tratta di persone nella prospettiva dei diritti umani, promossa dal Comune di Venezia per conto del Dipartimento per le Pari Opportunità, in collaborazione con l'OSCE e con il Centro di Ateneo per i Diritti Umani "Antonio Papisca" dell’Università di Padova. L'evento ha riunito oltre 200 esperti nazionali e internazionali per discutere dei mezzi per migliorare gli approcci multi-stakeholder alla lotta alla tratta.

"La cooperazione di lunga data tra l'OSCE e il Comune di Venezia, basata su valori condivisi in materia di protezione dei diritti umani, si è già dimostrata determinante per il successo di tre simulazioni guidate dall'OSCE presso il Centro di eccellenza per le Unità di polizia di stabilità (CoESPU) di Vicenza nel corso del 2016 e del 2017 ", ha affermato Jarbussynova.

Maggiori informazioni al link sottostante.

regione del veneto
pace diritti umani