A A+ A++
6/6/2014
Aiuti dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati destinati ai profughi di Timor Est
© UN Photo/M Kobayashi

Nazioni Unite: Giornata mondiale del rifugiato, 20 giugno 2014

Il 20 giugno si celebra in tutto il mondo la Giornata mondiale del rifugiato, istituita dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite il 4 dicembre del 2000, con Risoluzione 55/76, per celebrare nel 2001 il 50° anniversario della Convenzione di Ginevra sullo status dei rifugiati adottata il 28 luglio 1951 ed entrata in vigore il 22 aprile 1954.

Il tema scelto per la Giornata di quest’anno è il rispetto, rispetto per gli stessi rifugiati e per i valori sui quali si fondano gli accordi internazionali in materia di protezione dei rifugiati e dei diritti dei popoli costretti a esodi forzati di massa.

La Giornata è una occasione per riconoscere il coraggio e la determinazione dei rifugiati che continuano a perseverare nonostante abbiano perso tutto e costituisce un sostegno agli sforzi che l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR), le ONG e le altre organizzazioni impegnate nel settore compiono congiuntamente per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle sofferenze e sulle difficoltà di queste persone.

A livello internazionale tale Giornata sarà celebrata con eventi e conferenze organizzate in tutto il mondo. In particolare, l’appello che l’UNHCR lancia a livello mondiale, per quest’anno, è quello di leggere, visualizzare e condividere la storia di un rifugiato presente sul portale http://stories.unhcr.org dove sarà anche possibile caricare la propria storia. Sono vicende che spesso raccontano episodi di paura e di dolore, ma sono anche storie di coraggio, di sopravvivenza e di speranza.

Sono più di venti le celebrità nel mondo che hanno prestato il loro volto a sostegno dei rifugiati nel tentativo di portare all’attenzione della società civile il devastante impatto che la guerra ha su milioni di persone a livello mondiale. Un video-messaggio per l’UNHCR è stato registrato ad esempio dalla cantante Giorgia, dallo scrittore Khaled Hosseini, dall’attrice americana Kat Graham, dall’attrice tedesca Diane Kruger e dal cantante pop colombiano Juanes.

regione del veneto
pace diritti umani