A A+ A++
17/5/2017
Rappresentanza della società civile partecipa ad un Panel sugli Obiettivi di sviluppo del millennio, Nazioni Unite, New York 2008
© UN Photo/Jenny Rockett

Nazioni Unite: Invito a candidatura per statuto consultivo con Ecosoc

Le Nazioni Unite hanno esteso l'invito alle ONG a candidarsi per ricevere lo status consultivo presso il Consiglio Economico e Sociale (ECOSOC). La scadenza per presentare le candidature è giovedì 1 giugno 2017

Per soddisfare i criteri di ammissibilità, una ONG deve essere esistita per almeno due anni (ufficialmente registrata presso le autorità governative appropriate come ONG/no-profit), deve avere una sede centrale stabilita, una costituzione democraticamente adottata, autorità per rappresentare i suoi membri, una struttura rappresentativa, appropriati meccanismi di responsabilità, e processi decisionali democratici e trasparenti. Le risorse di base dell’organizzazione devono provenire in maggior parte dai contribuiti degli affiliati nazionali o da altri componenti o dai membri individuali. ONG affiliate con un’organizzazione internazionale già in possesso dello status possono essere ammesse purché dimostrino che la loro attività ha diretta rilevanza per gli obiettivi e gli scopi delle Nazioni Unite.

Lo status consultivo dà alle ONG l’opportunità di prendere parte alle deliberazioni delle Nazioni Unite, formulare suggerimenti durante le sessioni, partecipare ai dibattiti ed altro. Le ONG accreditate possono partecipare a diversi eventi, tra cui, ma non solo, le sessioni regolari ECOSOC, le sue commissioni funzionali e i suoi organi ausiliari. Le ONG possono; assistere a incontri ufficiali; inviare dichiarazioni scritte prima delle sessioni; fare dichiarazioni orali; incontrare delegazioni ufficiali dei governi e altri rappresentanti delle NGO; organizzare e partecipare a eventi paralleli che avvengono durante la sessione;
partecipare a dibattiti, dialoghi interattivi, tavole rotonde e incontri informali.

Le organizzazioni stabilite da governi o da accordi intergovernativi non sono considerate NGO.

regione del veneto
pace diritti umani