A A+ A++
16/7/2008 (Archivio storico)

Nazioni Unite: dichiarazione del Segretario Generale Ban Ki Moon sull’indipendenza del Procuratore della Corte Penale Internazionale.

 

-

Ban Ki Moon lo scorso 13 Luglio ha avuto un colloquio con il Presidente del Sudan Al Bashir, a seguito della richiesta di un mandato d’arresto per il leader africano da parte del Procuratore della Corte Penale Internazionale alla Corte Preliminare.

-

 

-

Durante la conversazione, Ban Ki-moon ha voluto precisare che il Segretario Generale delle Nazioni Unite non ha alcuna influenza sul Procuratore della Corte Penale Internazionale, manifestando inoltre preoccupazione per una dichiarazione del Rappresentante Permanente alle Nazioni Unite del Sudan nella quale veniva ipotizzato un legame tra la richiesta di incriminazione di Al Bashir da parte del Procuratore  e le due operazioni di peacekeeping impegnate in Sudan.

-

 

-

Il Segretario Generale ha inoltre aggiunto: “In linea di principio, credo che la pace e la giustizia debbano andare di pari passo. La giustizia  può far parte del processo di  pace ma questo senza giustizia non è sostenibile”

-

 

-

Nella telefonata al presidente Al Bashir, Ban Ki Moon ha anche manifestato la sua preoccupazione  per la vastità e la brutalità dell’attacco alle forze della missione UNAMID avvenuto lo scorso 8 Luglio, che ha causato la morte di 7 caschi blu e 19 feriti.

-

 

-

Il Segretario Generale ha anche chiesto al Presidente Al Bashir di investigare sulle circostanze dell’attacco alla pattuglia delle forze di pace congiunte ONU e dell’Unione Africana in Darfur.

-

 

-

 

-

 

-

Per maggiori informazioni:aut

http://www.un.org/apps/news/story.asp?NewsID=27360&Cr=Darfur&Cr1=

Aggiornato il

16/7/2009