A A+ A++
28/7/2015
Veduta d'insieme di una seduta del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, New York (USA), 2009.
© UN Photo/Evan Schneider

Nazioni Unite: il Consiglio di Sicurezza approva all’unanimità la revoca "graduale e condizionata" delle sanzioni finanziarie e commerciali all'Iran

Il 20 luglio 2015 il Consiglio di Sicurezza della Nazioni Unite ha adottato all’unanimità la risoluzione 2231 che, avallando il cosiddetto Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA) formulato il 14 luglio dai paesi che hanno partecipato alle trattative di Vienna, in primo luogo istituisce un sistema di monitoraggio per il programma nucleare iraniano e, in secondo luogo, considera l’eventuale rimozione di tutte le sanzioni finanziarie e commerciali imposte al paese.

L'adozione da parte del Consiglio della risoluzione 2231 prevede che il JCPOA entri in vigore entro 90 giorni. Inoltre, la risoluzione permetterà all’Agenzia Internazionale per l'Energia Atomica (Aiea) di procedere alle verifiche e ai controlli necessari riguardo al rispetto da parte dell'Iran dei suoi impegni ai sensi del JCPOA. A questo proposito, secondo quanto riportato nella risoluzione, il Consiglio prenderà in considerazione la cessazione delle sanzioni solo dopo aver ricevuto un rapporto dell'Aiea, il quale avrà il compito di verificare che l'Iran abbia messo in atto la serie di misure concordate.

A dieci anni dall’adozione del Joint Comprehensive Plan of Action tutte le disposizioni della risoluzione 2231 dovranno cessare e nessuna delle precedenti risoluzioni dovrà essere applicata. Il Consiglio di Sicurezza avrà così concluso il suo esame della questione nucleare iraniana.

regione del veneto
pace diritti umani