A A+ A++
1/4/2009 (Archivio storico)

Nazioni Unite: nuovo sito web sui cambiamenti climatici

Dal 24 marzo 2009, è attivo il nuovo sito web delle Nazioni Unite (NU) sul cambiamento climatico. Si tratta di un elemento della campagna di pubblica informazione europea sul cambiamento climatico “CoolPlanet2009”, lanciata dal Primo Ministro islandese, Jòhanna Siguroardottir, il 26 febbraio 2009, a nome dei Primi Ministri dei 5 Paesi nordici, durante il Nordic Globalization Forum in Islanda.
Il sito è l’elemento di punta della campagna CoolPlanet2009, che durerà un anno, con lo scopo di accrescere la consapevolezza sui temi ambientali e mobilitare i cittadini a sostegno di un nuovo accordo sul clima che sarà negoziato a Copenhagen, nel dicembre di quest’anno.

“Siamo onorati di poter inaugurare il sito CoolPlanet2009con questo sostegno simbolico dei Paesi nordici, che sono certamente tra i leader in questo campo,” ha dichiarato Afsané Bassir-Pour, Direttore del Centro regionale di informazione delle Nazioni Unite per l’Europa occidentale (UNRIC).

“Il sito si propone di informare e coinvolgere il pubblico europeo, i governi e la società civile in generale. CoolPlanet2009 sarà un mercato di idee e ospiterà una bacheca di eventi dove poter osservare cosa l’Europa stia facendo per il cambiamento climatico, dove poter pubblicizzare idee e iniziative e confrontarsi con gli altri sugli stessi temi”, ha aggiunto Bassir-Pour.

 Secondo il più alto funzionario delle Nazioni Unite sul clima, Yvo de Boer, Segretario Esecutivo della Convenzione quadro delle NU sul cambiamento climatico (UNFCCC), la campagna arriva in un momento in cui il mondo è pienamente consapevole dell’urgenza della situazione. “Ma i politici non hanno ancora messo in atto politiche necessarie per una risposta globale, concertata. La sfida climatica è così ingente che le persone vogliono contribuire alle soluzioni, malgrado il momentaneo vuoto politico. Questo sito raccoglie idee su come farlo”, ha commentato de Boer.

Risorse

Aggiornato il

16/7/2009

regione del veneto
pace diritti umani