A A+ A++
20/1/2017
Antonio Guterres, Segretario Generale delle Nazioni Unite
© UNPhoto/Jean-Marc Ferré

Nazioni Unite: primo intervento al Consiglio di Sicurezza del nuovo Segretario Generale António Guterres.

Martedì 10 gennaio in occasione della prima riunione dell’anno del Consiglio di Sicurezza, il nuovo Segretario Generale delle Nazioni Unite, António Guterres, ha tenuto il suo primo intervento ufficiale.

Durante il suo discorso Guterres ha sottolineato la necessità di nuovi e più forti sforzi per costruire e sostenere la pace, dalla prevenzione e risoluzione dei conflitti e dal mantenimento della pace, alla costruzione della pace e dello sviluppo. Secondo il nuovo Segretario Generale, finora sono stati spesi molto più tempo e risorse per rispondere alle crisi piuttosto che per prevenirle e c’è quindi bisogno di un approccio completamente diverso. La prevenzione deve essere la priorità. Quest’ultima deve essere vista come un valore a sé stante perché è uno strumento essenziale per ridurre la sofferenza umana e consentire alle persone di raggiungere il loro pieno potenziale. Guterres ha inoltre espresso la sua convinzione che siano necessari dei cambiamenti per riequilibrare l'approccio alla pace e alla sicurezza della comunità internazionale, e ha aggiunto che la cooperazione internazionale per la prevenzione, in particolare la trasformazione dei primi avvertimenti in prime azioni, dipende dalla fiducia tra gli Stati membri e dal loro rapporto con le Nazioni Unite.

Il Segretario Generale ha inoltre invitato tutta la comunità internazionale ad a formulare politiche migliori e effettuare maggiori investimenti culturali ed economici per l’inclusione e la coesione, in modo che la gente apprezzi i benefici della diversità, piuttosto che percepirla come una minaccia.

Nelle conclusioni del suo discorso, Guterres ha ripetuto l'appello per la pace che aveva presentato poco dopo il suo insediamento, sostenendo che potrebbe sembrare da ingenui affermare che il 2017 sarà l’anno della pace, ma che vorrebbe che questo fosse l’obiettivo di tutti e quindi che tutti facessero il possibile per renderlo tale.

regione del veneto
pace diritti umani