A A+ A++
18/2/2011
Partita di calcio tra Ambasciatori ONU e studenti delle superiori per la Giornata internazionale della pace, 17 settembre 2010, Ginevra (Svizzera)
© UN Photo/Jean-Marc Ferre

Premio "Un calcio al razzismo", edizione 2010/2011

Il Centro UNESCO di Torino, con il patrocinio del Club Juventus, ha indetto il nuovo bando per borse di studio, rivolto ai giovani tra i 18 e i 25 anni di nazionalità italiana e non, residenti in Italia e ad Istituti Superiori di Secondo Grado della Regione Piemonte.

Lo scopo dell'iniziativa è di promuovere tra le nuove generazioni i valori del rispetto della diversità, dell'inclusione sociale e del fair play "umano", premiando i singoli giovani o le classi che abbiano dato prova di buone pratiche a favore della lotta al razzismo.

Il premio, assegnato da una Giuria composta da rappresentanti del Centro UNESCO di Torino e della Juventus F.C., prevede l'assegnazione di due borse di studio, finanziate dal Club calcistico, dell'importo di 5.000 euro ciascuna.

Con questa iniziativa i promotori del premio intendono dare un segnale di impegno concreto nella lotta contro il razzismo e contro la discriminazione del "diverso" promuovendo valori come il rispetto, la fratellanza e l'integrazione. Lo sport, e in particolare il calcio, è una buona "palestra di vita" per le giovani generazioni e per questo è fondamentale che i suoi protagonisti, sappiano veicolare messaggi di rispetto e di tolleranza dando il buon esempio, sia dentro che fuori dal campo.

Le candidature dovranno pervenire entro il 30 giugno 2011.

Per maggiori dettagli e per informazioni sulle modalità di partecipazione, si rinvia al sito del Centro Unesco e al Bando.

regione del veneto
pace diritti umani