A A+ A++
14/6/2017
Report, L'impatto degli eventi sismici in Italia centrale sui diritti dei bambini e degli adolescenti. Un'analisi dei dati correnti e delle interviste a testimoni privilegiati, 2017

Pubblicato il Rapporto su "I bambini e i loro diritti nel terremoto dell’Italia Centrale" realizzato da Save the Children e dal Centro di Ateneo per i Diritti Umani

Quale impatto hanno avuto gli eventi sismici in Italia centrale sui diritti dei bambini e degli adolescenti? Lo studio, promosso da Save the Children Italia e realizzato dal Centro di Ateneo per i Diritti Umani dell’Università di Padova, ha l’obiettivo di comprendere come nel breve periodo il terremoto abbia messo a rischio il benessere dei bambini e di delineare il quadro delle azioni di risposta all’emergenza volte a garantire i diritti dei cittadini più piccoli e dei loro familiari.


Dopo aver presentato alcuni dati di contesto sulla sequenza sismica che ha interessato l’Italia centrale da fine agosto 2016 a gennaio 2017, la ricerca illustra alcuni dati quantitativi sui bambini e sugli adolescenti coinvolti e approfondisce, attraverso alcune interviste a testimoni privilegiati e con particolare riferimento alle Regioni Lazio e Marche, le diverse attività di accoglienza, le azioni di accompagnamento sociale, psicosociale e socio-sanitario e gli interventi a garanzia della ripresa delle attività scolastiche.
L’analisi dei dati raccolti ha portato ad individuare le priorità che gli intervistati ritengono essere strategiche nella gestione delle emergenze e le dimensioni di attenzione che hanno guidato gli interventi a favore dell’infanzia in una situazione di diffusa, continuativa e prolungata emergenza.


La ricerca mostra quindi come in effetti i bambini siano al centro della preoccupazione degli adulti, ma anche come questa tenda a privilegiare un’immagine del bambino come vittima e come spettatore degli eventi più che un soggetto che possa avere un proprio ruolo nella preparazione e nella costruzione di un nuovo presente e di un prossimo futuro.

Lo studio è disponibile nella sua versione integrale al link sottostante.

regione del veneto
pace diritti umani