A A+ A++
13/10/2015
Convegno Istituto Razzara 2013, foto della tavola dei relatori
© Istituto Razzara

Religioni, pluralismo, democrazia: le attese dei giovani del Mediterraneo, 2° Colloquio del Mediterraneo a Palermo, 15-16 ottobre 2015

L’istituto “Nicolò Rezzara” di Vicenza, in collaborazione con l’Università di Palermo, organizzerà il secondo Colloquio del Mediterraneo nei giorni 15 e 16 ottobre presso la Sala delle Capriate a Palazzo Steri nella città di Palermo.
Il Colloquio tenterà di fare chiarezza sull’odierno ruolo delle religioni e su come queste vengano strumentalizzate e considerate causa di tutti i conflitti. Protagonisti dell’evento saranno soprattutto i giovani e i loro pensieri legati a questo importante dibattito.

L’iniziativa, si svolgerà in due giornate. Giovedì 15 ottobre si seguiranno molti relatori tra cui Maroun Elias Nimeh Lahhman (arcivescovo cattolico giordano), Amer Al Hafi (Academy Advisor dell’istituto giordano per il dialogo interreligioso), Emile Katti (medico-chirurgo e direttore generale dell’ospedale Al-Rajaa di Aleppo), Abdo Badwi (direttore del Dipartimento di Scienze siro-antiocheno dell'Università maronita Saint Esprit di Kaslik in Beirut), Kamel Layachi (imam algerino, responsabile del Dipartimento dialogo interreligioso e formazione del C.R.II), Imen Ben Mohamed (deputata al Parlamento tunisino per il partito islamista moderato Ennahda), Omar Attia El Tabakh (vice-presidente e portavoce del “Comitato Nazionale Libertà e Democrazia per l'Egitto” e rappresentante per l'Italia di International Coalition for Egyptian Abroad).

La giornata di venerdì 16 ottobre, invece, sarà dedicata ai giovani (appartenenti ad associazioni religiose e non) che hanno lavorato attivamente in questi mesi per poter portare un proprio contributo alla discussione.

L’Istituto “Nicolò Rezzara” promuove indagini sociologiche, ricerche fra studiosi, convegni,seminari di studio e corsi di aggiornamento. In tale lavoro, è impegnato con iniziative continuative nel tempo, occupandosi con costanza del futuro dell’Europa ed ai problemi internazionali.

Per maggiori informazioni ed il programma dettagliato dell’evento si allega nel box sottostante il comunicato stampa.

 

regione del veneto
pace diritti umani