A A+ A++
15/10/2018
Cattedra Transdisciplinare UNESCO Sviluppo umano e cultura di pace, Università di Firenze, logo
© UNESCO

Seminario internazionale di ricerca: Taking care of humans and our common home. How to integrate the intangible and the tangible in co-growth practices for SDG 2030, Firenze, 15 novembre 2018

La Cattedra Transdisciplinare UNESCO "Sviluppo Umano e Cultura di Pace" dell’Università degli studi di Firenze organizza il seminario internazionale di ricercaTaking care of humans and our common home. How to integrate the intangible and the tangible in co-growth practices for SDG 2030”, che si terrà il 15 novembre 2018, a Firenze.

Il seminario rientra nelle attività del Progetto generale (2017/2021) della Cattedra “The historical challenge of the planetary civilization. Towards the Earth's Humanism, in search of the co-science and the co-growth beyond violence”. I lavori del seminario si propongono di approfondire il problema contemporaneo della "Cura della casa comune" interrogandosi su come integrare i saperi tangibili e intangibili nello sviluppo delle pratiche all’interno del "paradigma della Civiltà planetaria".

In particolare si discuterà la problematica di “quale sviluppo sostenibile della Terra e dei suoi Cittadini”, includendo tutte le specie che la abitano, mettendo a confronto le metodologie dello sviluppo tangibile e intangibile: i paradigmi dualistici consolidati delle strategie di ricerca, formazione ed educazione, basati sulla separazione tra scienze dell’uomo e scienze della natura hanno portato alla prevalenza dello sviluppo tangibile rispetto allo sviluppo intangibile, con tutti gli squilibri nelle società, gruppi umani e pianeta; ci si chiede se non vi sia un ritardo storico nella rivalorizzazione dello sviluppo intangibile, che richiede un riequilibrio di potere dell’intelligenza intangibile, ma più ancora una sua diversa configurazione in rapporto anche alla sempre più invasiva tecnologia intangibile. È un processo che in diverse forme e contesti hanno affrontato anche le altre grandi civiltà storiche. La ricerca, la formazione e l’educazione di menti complesse sembra essere sempre più la pista percorribile perché sviluppo intangibile e sviluppo tangibile si unifichino ad un livello avanzato per il benessere della civiltà terrestre.

La Cattedra Transdisciplinare UNESCO "Sviluppo Umano e Cultura di Pace", diretta dal 2006 dal prof. Paolo Orefice, si occupa dello sviluppo umano in coerenza con la cultura di pace dal versante della formazione degli esseri umani: attraverso i focus e modelli di sviluppo umano e cultura di pace elaborati e messi alla prova in oltre un decennio di cooperazione internazionale, sulla base della precedente lunga esperienza di lavoro scientifico, teorico e applicato del suo direttore, la Cattedra opera attraverso la Ricerca Azione Partecipativa sull’interazione fondamentale dello sviluppo intangibile dei saperi delle persone, gruppi e culture con lo sviluppo tangibile dei territori antropizzati. Di qui il carattere prioritario della valorizzazione educativa dei saperi nella convivenza planetaria oltre la logica degli opposti, generatrice di violenza.

Per maggiori informazioni sulle attività della Cattedra Transdisciplinare UNESCO "Sviluppo Umano e Cultura di Pace" e sul programma Unitwin-UNESCO, consultare i link sottostanti.

regione del veneto
pace diritti umani