A A+ A++
6/6/2016
Servizio civile nazionale, progetto “Azione in red@zione per una cittadinanza plurale ed inclusiva”

Servizio Civile al Centro Diritti Umani: è aperto il bando per la selezione di tre giovani per il progetto “Azione in red@zione per una cittadinanza plurale ed inclusiva”

Il Centro di Ateneo per i Diritti Umani lancia il progetto di Servizio Civile Nazionale “Azione in red@zione per una cittadinanza plurale ed inclusiva” rivolto a 3 giovani di età compresa tra i 18 e i 28 anni.

Il progetto intende promuovere e affermare il riconoscimento internazionale del diritto umano alla pace e della cittadinanza plurale e inclusiva, anche in collaborazione con il mondo della scuola, dell’associazionismo e degli enti di governo locale.

Le volontarie e i volontari saranno coinvolti in diverse attività, quali:
- sviluppo di strumenti per la comunicazione e la diffusione dei contenuti elaborati negli ambiti di ricerca del Centro;
- elaborazione e pubblicazione di contenuti redazionali per il sito internet, anche in lingua inglese;
- cura dei social media, strategie di comunicazione, produzione e post-produzione di video-interviste e conenuti multimediali;
- arricchimento della banche-dati:
- collaborazione alla promozione di convegni, seminari di studio e corsi post lauream.

Il progetto è realizzato nell'ambito del bando 2016 pubblicato dal Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale, delle Regioni e Province autonome per la selezione di 35.203 giovani, da impiegare in Italia e all'estero.

L'Università degli Studi di Padova offre la possibilità di candidarsi in 17 progetti di Servizio Civile Nazionale per un totale di 99 posti.

Il bando è rivolto anche a tutti i cittadini stranieri in possesso di regolare permesso di soggiorno valido al momento della presentazione della domanda.

La domanda di partecipazione deve essere presentata entro e non oltre le ore 14.00 del 8 luglio 2016

Il bando e le modalità di presentazione della domanda sono disponibili nel sito dell'Università di Padova - Servizio civile.

regione del veneto
pace diritti umani