A A+ A++
28/10/2014
Logo giallo e blu su sfondo bianco, scritta settimana dei diritti 5-12 novembre 2014 con altri tre loghi: Presidenza italiana del Consiglio dell'Unione Europea, Presidenza del consiglio dei ministri- ufficio pari opportunità, Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali
© Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali/Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali

UNAR e Dipartimento Pari opportunità: “Settimana dei diritti”. Roma, 5-12 novembre 2014

L’Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali (UNAR) ed il Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri promuovono la “Settimana dei diritti”, una serie di eventi sul tema della discriminazione che si terrà tra il 5 ed il 12 novembre 2014 a Roma.
La “Settimana dei diritti” rientra tra le iniziative promosse in occasione del Semestre di presidenza italiana del Consiglio dell’Unione Europea da parte del Dipartimento per le Pari Opportunità e dall’UNAR e si concretizza in iniziative finalizzate a sensibilizzare e far riflettere sui temi legati alla discriminazione, a partire dalle sollecitazioni delle Istituzioni europee.
Le iniziative toccheranno la tematica più generale della parità fino ad arrivare a trattare la prevenzione della marginalità di particolari gruppi vulnerabili: persone migranti, persone LGBT, persone di etnia Rom.

Tra le iniziative rientrano:
- “Meeting europeo dei Focal Points Nazionali sulle Strategie di inclusone sociale dei Rom” 5 e 6 novembre 2014;
- Evento di Alto Livello “Shaping the future of Equality policies in the EU” 6 e 7 Novembre 2014;
- "Fundamental Rights Conference 2014 – Fundamental Rights and Migration to the EU" 10 e 11 novembre 2014;
- "Meeting europeo dei Focal Points Nazionali per i diritti delle persone LGBT" 10 novembre.

A breve sarà disponibile sul sito dell’Unar il programma dettagliato di tutti gli eventi. Per maggiori informazioni è possibile rivolgersi all’UNAR all’indirizzo di posta elettronica unar@unar.it o al numero telefonico 06 67792267.

regione del veneto
pace diritti umani