A A+ A++
27/8/2018
Il Vice Direttore General di UNESCO Xing Qu e il Presidente della Corte africana Justice Sylvain Oré firmano il memorandum d'intesa
© UNESCO

UNESCO e Corte africana dei diritti umani e dei popoli: firmato un memorandum d’intesa per promuovere la libertà di espressione e di stampa

UNESCO e la Corte africana dei diritti umani e dei popoli hanno firmato il 14 agosto 2018 un memorandum d’intesa volto a formalizzare e a rafforzare la cooperazione tra le due organizzazioni per promuovere la libertà di espressione e la libertà di stampa.

L’accordo rientra nel quadro del piano d'azione delle Nazioni Unite sulla sicurezza dei giornalisti e sulla questione dell'impunità e si propone di rafforzare gli standards e le politiche relative all’accesso all’informazione pubblica, alla sicurezza dei giornalisti, alla fine dell’impunità per i crimini commessi contro i giornalisti, di rafforzare lo stato di diritto e la protezione dei diritti umani in Africa.

In particolare, l'accordo faciliterà la realizzazione di attività di capacity building come workshop, scambi, training dei formatori per gli istituti di formazione giudiziaria nonché la promozione della cooperazione a livello regionale, al fine di conseguire l'obiettivo comune di rafforzare il quadro normativo regionale in materia di libertà di espressione e di sicurezza dei giornalisti.

La collaborazione tra UNESCO e la Corte africana è stata avviata nel 2016 con l'organizzazione di un dialogo regionale ad Arusha, in Tanzania, nell'ambito della celebrazione della Giornata internazionale per porre fine all'impunità per i crimini contro i giornalisti. Il dialogo ha facilitato la discussione ed il confronto tra i giudici africani sugli standards internazionali in materia di sicurezza dei giornalisti e sulla fine dell'impunità, ha inoltre favorito la condivisione delle conoscenze sulla struttura africana dei diritti umani, il ruolo delle corti regionali dei diritti umani, le modalità per promuovere la libertà di espressione e le questioni legate alla sicurezza dei giornalisti a livello regionale e nazionale. Nel 2017, grazie alla collaborazione avviata, è stato possibile formare dei membri della magistratura in Africa (giudici, giuristi, avvocati) sulla libertà di espressione e sulla sicurezza dei giornalisti attraverso seminari e corsi online sull'argomento.

La Corte africana dei diritti umani e dei popoli, istituita dall'articolo 1 del Protocollo di Ouagadougou entrato in vigore il 25 gennaio 2004, è competente su tutti i casi riguardanti l’interpretazione e l’applicazione della Carta africana sui diritti umani e dei popoli, del Protocollo ad hoc che provvede alla sua stessa creazione e di altri strumenti sui diritti umani ratificati dagli Stati membri dell'Unione Africana.

UNESCO è l’Agenzia specializzata delle Nazioni Unite che dispone di un mandato specifico in materia di libertà di espressione, libertà di stampa e libertà di informazione e le attività realizzate in conformità al memorandum d’intesa contribuiranno alla realizzazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile, in particolare l'obiettivo 16: "Pace, giustizia e istituzioni forti".

regione del veneto
pace diritti umani