A A+ A++
22/1/2017
Focus "La mediazione interculturale", Portale Integrazione Migranti

UNHCR: al via il Progetto Welcome per rendere le imprese parte attiva nell’integrazione dei rifugiati

L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati vuole coinvolgere il mondo dell’impresa nello sviluppo delle nuove policy sull’integrazione dei rifugiati. Il privato dovrà essere parte attiva nella responsabilità della costruzione di una società più inclusiva e sensibile ai bisogni di chi è stato costretto ad abbandonare il proprio paese a causa di guerre, conflitti e persecuzioni e ha scelto di ricominciare una nuova vita in Italia.

L’UNHCR conferirà, quindi, annualmente, il logo “Welcome. Working for refugee integration” alle aziende che maggiormente si distingueranno nel favorire l’inserimento professionale dei rifugiati e nel sostenere il loro processo di integrazione.
Per l’assegnazione di tale riconoscimento verrà appositamente istituito un Comitato di esperti nel campo della responsabilità sociale nell’ambito del settore privato che valuterà, tra le imprese contraddistinte per aver sostenuto i rifugiati anche al di fuori dei confini nazionali, quelle che abbiano effettuato almeno una delle seguenti azioni positive:
1. Assunzioni di beneficiari di protezione internazionale o comunque favorimento del loro concreto inserimento lavorativo, attraverso efficaci programmi di formazione lavoro.
2. Svolgimento nei territori di riferimento dei propri dipendenti beneficiari di protezione internazionale di attività atte a favorire il dialogo interculturale o attraverso misure concrete di sostegno.
3. Incentivazione di attività di autoimpiego dei beneficiari di protezione internazionale, attraverso il sostegno (gratuito) ad iniziative di start-up.

Le candidature potranno essere presentate da aziende, dipendenti, associazioni di categoria, sindacati, Camere di Commercio, Enti Locali ed associazioni o cooperative impegnate nell’assistenza e tutela dei richiedenti e beneficiari di protezione internazionale.

regione del veneto
pace diritti umani