A A+ A++
25/5/2009 (Archivio storico)

Undicesimo vertice Unione Europea - Cina; Praga, 20 maggio 2009

L'undicesimo vertice tra Unione Europea (UE) e Cina si è svolto a Praga, il 20 maggio 2009. L'UE è stata rappresentata dal Presidente della Repubblica Ceca Václav Klaus – Presidente di turno dell’UE -, dal Presidente della Commissione europea, Jose Manuel Barroso, e dall'Alto Rappresentante per la Politica Estera e di Sicurezza Comune dell'UE, Javier Solana. Il Primo Ministro del Consiglio di Stato Wen Jiabao e il ministro degli Esteri Yang Jiechi hanno partecipato al vertice in rappresentanza della Cina.

Dopo un’analisi generale dello sviluppo delle loro relazioni, i leader di entrambe le parti hanno espresso la loro soddisfazione per la rapida espansione delle relazioni tra UE e Cina dopo il primo vertice del 1998. Tali relazioni sono ora molto più profonde e solide, fondate su una collaborazione globale, strategica e reciprocamente vantaggiosa. I rappresentanti dell'UE hanno affermato di accogliere con favore lo sviluppo della Cina e di volerne sostenere il cammino verso uno sviluppo pacifico. La Cina, d’altra parte, ha ribadito il suo sostegno al processo di integrazione europea e al ruolo costruttivo negli affari internazionali assunto dall'UE. Si è aperto, dunque, un nuovo decennio per la collaborazione UE-Cina: le due parti hanno ribadito il loro fermo impegno a raggiungere un partenariato strategico globale e la loro volontà di lavorare insieme per lo sviluppo reciproco, sulla base dei principi di rispetto, uguaglianza, fiducia reciproca e collaborazione.

Entrambe le parti hanno sottolineato che, in un contesto internazionale complesso e mutevole, le relazioni UE-Cina trascendono sempre più il quadro bilaterale per assumere una dimensione internazionale. Le due parti hanno riaffermato il loro impegno attivo per la pace, la stabilità, la sicurezza, la prosperità e lo sviluppo sostenibile nel mondo, così come per una risoluzione pacifica delle controversie attraverso il dialogo e un effettivo multilateralismo attuato in sede Nazioni Unite.

Le discussioni si sono incentrate anche sulla recessione economica mondiale e la crisi finanziaria, sui cambiamenti climatici e la sicurezza energetica, nonché su questioni regionali (Penisola coreana, Myanmar, Iran, Sri Lanka, Afghanistan e Pakistan). I rappresentanti europei e cinesi hanno espresso la loro determinazione a rafforzare la cooperazione per affrontare le sfide mondiali.

I rappresentanti europei e cinesi hanno infine espresso la loro soddisfazione per l’esito positivo del Secondo Dialogo di alto livello sui temi economici e commerciali, che si è svolto a Bruxelles lo scorso 7-8 maggio. I rappresentanti hanno ribadito il loro impegno per la completa attuazione dei progetti discussi durante il Vertice del G-20 di Londra, incluso il rifiuto di ogni forma di protezionismo e la sottoscrizione, in tempi ragionevoli, di un accordo ambizioso, equilibrato e globale per concludere il Doha Development Round.

Durante il vertice, le due parti hanno firmato alcuni accordi di cooperazione, tra cui: la Dichiarazione comune Europa-Cina sulla nascita di centri di produzione di energia pulita; lo Schema di partenariato Europa-Cina su scienza e tecnologia.
Il prossimo vertice si svolgerà a Pechino, nella seconda metà del 2009.

regione del veneto
pace diritti umani