A A+ A++
11/6/2012
Da sinistra: Marco Mascia, Direttore del Centro diritti umani, Burgi Volgger, Presidente dell'EOI, Josef Siegele, Segretario generale dell'EOI.
© Centro diritti umani - Università di Padova

Università di Padova: sottoscritto il Memorandum of Understanding tra l'Istituto Europeo dell'Ombudsman e l’Istituto Italiano dell'Ombudsman

Lunedì 11 giugno 2012, alle ore 12.00, presso il Centro Diritti Umani dell'Università di Padova, Burgi Volgger e Josef Siegele, rispettivamente Presidente e Segretario generale dell'Istituto Europeo dell'Ombudsman, e Marco Mascia Direttore del Centro Diritti Umani hanno firmato il Memorandum of Understanding tra l'Istituto Europeo dell'Ombudsman (EOI) e l’Istituto Italiano dell'Ombudsman, creato all’interno del Centro.

Erano presenti anche Lucia Franchini, Difensore civico della Regione Toscana, Vittorio Gasparrini, membro del Comitato esecutivo dell'EOI e Coordinatore dell’Istituto Italiano dell’Ombudsman, Antonio Papisca, Cattedra UNESCO Diritti umani, democrazia e pace, Paolo De Stefani, Direttore nazionale del Programma di Master europeo in diritti umani e democratizzazione, Luca Gazzola e Sofia Omar Osman, Archivio Pace Diritti Umani.

Obiettivo del Memorandum è quello di sviluppare programmi e progetti che contribuiscano, nel modo più ampio possibile, alla protezione e promozione dei diritti umani, della cultura della pace nonché allo sviluppo dell'istituto della Difesa civica.

Il Memorandum prevede l'elaborazione di un programma annuale delle attività, il quale comprenderà, progetti di ricerca e di formazione, seminari, eventi culturali, attività di consulenza e assistenza agli uffici del Difensori civici e ad istituzioni governative, intergovernative e non-governative, programmi di scambio tra il personale delle rispettive istituzioni, il supporto per la pubblicazione di volumi e campagne informative, l'istituzione di una rete delle università impegnate nella ricerca e nell’insegnamento nel campo della difesa civica.

Tra le prime attività comuni, si segnalano: la pubblicazione di un volume di analisi comparata dell’esperienza dei difensori civici in tutti i paesi europei; la predisposizione di internship presso l’EOI e gli uffici dei difensori civici membri dell’EOI per studenti della Laurea magistrale in Istituzioni e politiche dei diritti umani e della pace dell'Università di Padova; l’organizzazione di un cilco di seminari in materia di Difesa civica nell’ambito dei corsi della Laurea magistrale, con la partecipazione dei Difensori civici membri dell'EOI; la creazione di una road map per migliorare la cooperazione con il Comitato internazionale di coordinamento delle Istituzioni nazionali per la protezione e promozione dei diritti umani presso l'Alto Commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite e con il Consiglio d'Europa.

regione del veneto
pace diritti umani