A A+ A++
17/4/2017
Logo del concorso Voci per la libertà. Una canzone per Amnesty
© Vociperlalibertà

Voci per la Libertà - Una Canzone per Amnesty: al via il voto online per il Premio Web social 2017

Sono ancora aperte fino al 22 aprile le iscrizioni alla 20a edizione di "Voci per la Libertà - Una Canzone per Amnesty", un concorso unico e prezioso in Italia dedicato agli artisti emergenti che scelgono di diffondere attraverso la musica i principi della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.
Le canzoni del "Premio Web Social", chiusosi l'11 marzo, sono già ascoltabili e votabili direttamente online, sia sul sito web che attraverso i "like" sulla pagina Facebook e Youtube del concorso. 

Il 23 agosto 2017 saranno passati esattamente 90 anni dall'ingiustizia perpetrata nei confronti di Nicola Sacco e Bartolomeo Vanzetti dalla giustizia statunitense. 90 anni: e nonostante ciò i diritti umani vengono costantemente violati in tutto il mondo, Italia inclusa. Cantare di diritti umani non è una cosa facile: ma dal 1971, proprio per onorare il sacrificio di Sacco e Vanzetti, iniziarono a risuonare ovunque le note della canzone "Here's to you", con le parole di Joan Baez e le musiche di Ennio Morricone. L’anno scorso, proprio in memoria di Nicola e Bartolomeo e per tutti i Sacco e Vanzetti di oggi numerosi attivisti, difensori dei diritti umani, artisti italiani e internazionali, persone comuni dall’Italia e dall’estero hanno risposto all’appello di Roberto Saviano e Amnesty International Italia a cantare #herestoyou, un'unica voce contro tutte le ingiustizie. Il concorso di "Voci per la Libertà" vuole proprio andare a scoprire i giovani Baez/Morricone sparsi per l'Italia: fare canzone impegnata oggi, con un occhio all'architettura della composizione e l'altro all'espressione viva dei diritti umani. 

Oltre alla grande visibilità che ne trarranno tutti gli artisti, il vincitore del Premio Web Social parteciperà di diritto alle semifinali del concorso e gli sarà riservato un pacchetto di servizi promozionali offerto dal MEI (Meeting degli Indipendenti) di Faenza.

Di seguito il link per le votazioni, che si chiuderanno il 19 aprile.

 

regione del veneto
pace diritti umani