A A+ A++

Behind Bars: Violence. Abuses against Detained Children in Brazil

Blandina Stecca (2005)

Contenuto in:

Pace diritti umani - Peace Human Rights, 3/2005

Tipologia pubblicazione

: Articolo / Saggio

Pagine

: 143-159

Lingua

: EN

Contenuto

Dietro i tribunali: violenza. Abusi contro i bambini detenuti in Brasile Blandina Stecca

I bambini nei centri di detenzione minorile in Brasile vedono quotidianamente negati il rispetto e la protezione dei loro diritti più fondamentali. Dietro i pesanti cancelli e le desolate sbarre di tali centri frequenti sono gli abusi, le punizioni corporali, la tortura, il lavoro forzato, le privazioni di acqua e di cibo, l’isolamento per lunghi periodi di tempo, l’umiliazione. Molti minori detenuti non ricevono un’adeguata educazione e le loro attività ricreative e sportive sono spesso assai limitate. Il saggio affronta il serio e triste tema della violenza esercitata dalle guardie e dal personale dei centri di detenzione brasiliani contro i bambini che lì dentro sono confinati. Dopo una prima parte dedicata alla ricerca del «perché» abusi, soprusi e violenze trovano così ampio spazio dentro fredde celle vissute ed abitate da bambini ed adolescenti, inizia un viaggio che ci porterà, come spettatori, lungo i corridoi dei centri di detenzione. Lo scopo è quello di analizzare in dettaglio quali sono i diritti dei minori che risultano essere severamente violati e quali sono gli standard legali, nazionali e internazionali, in vigore per condannare e far fronte a tali violazioni.
Una serie di raccomandazioni atte ad affrontare i principali ostacoli e impedimenti per un’effettiva realizzazione dei diritti dei bambini detenuti terminerà il nostro viaggio. Il rispetto e la protezione di tali diritti sarà tuttavia pienamente possibile solo quando le vere radici della violenza, così pesantemente esercitata nei centri di detenzione minorili, verranno spezzate. Le conclusioni, dunque, ci ricondurranno da dove siamo partiti, cioé dal «perché» della violenza, dalle sue radici e dalla loro profondità.

Aggiornato il

03/09/2010

regione del veneto
pace diritti umani