A A+ A++

Territorial Cooperation: Overview and Assessment of EGTCs

Hannes Schaffer (2010)

Contenuto in:

Pace diritti umani - Peace Human Rights, 3/2010

Tipologia pubblicazione

: Articolo / Saggio

Lingua

: IT

Contenuto

Cooperazione territoriale: presentazione e valutazione dei GECT

Hannes Schaffer

Il Gruppo Europeo di Cooperazione Territoriale (GECT) è un nuovo strumento per la cooperazione territoriale, che consente di creare strutture giuridiche congiunte attraverso i confini nazionali. L’istituzione di un GECT richiede sforzi che dovrebbero essere proporzionati ai risultati attesi. Se alla base vi sono un potenziale progetto di lungo termine e una tradizione esistente di fiducia e cooperazione, il GECT diventa un’opzione maggiormente praticabile.

Diversi vantaggi sono riconducibili a un GECT. Esso è concepito come uno strumento flessibile, e non vi sono restrizioni tematiche. Il GECT ha una propria personalità giuridica e agisce a nome dei suoi membri. Eventuali limitazioni che contrastano con tali benefici sono per lo più da ascrivere alla genericità del testo del Regolamento e alle scelte lasciate disponibili agli Stati membri, che tendono a ostacolare le differenze nelle normative nazionali.

Sono già stati istituiti quindici GECT, e molti altri sono in attesa di essere realizzati. INTERact, il Comitato delle Regioni e la Commissione Europea stanno attentamente monitorando lo sviluppo del GECT. Un emendamento del Regolamento è atteso nell’agosto 2011. Per tale ragione è stato avviato un processo di consultazione che include le opinioni di vari attori.

Nell’estate 2010 le conclusioni sono state rese pubbliche: in esse si afferma che il Regolamento va modificato. Le differenze nazionali nella legislazione producono molte difficoltà; tale situazione può essere risolta rendendo il Regolamento dell’UE maggiormente restrittivo, oppure attraverso una cooperazione più intensa tra Stati confinanti. Il Comitato delle Regioni svolge un ruolo primario nel fornire informazioni, facilitare la comunicazione e garantire assistenza tecnica; gli scambi interregionali potrebbero essere rafforzati da una piattaforma online. Il GECT è concepito per realizzare una vasta gamma di obiettivi: esso offre, in altri termini, molteplici possibilità a seconda delle competenze a esso delegate.

Le opinioni sull’inclusione di soggetti privati sono discordanti; nel caso di un ampliamento del Regolamento, devono essere individuate condizioni specifiche. Il GECT è considerato come il principale strumento giuridico in materia di coesione territoriale e può facilitare la cooperazione trans-frontaliera.

 

Aggiornato il

06/11/2012

regione del veneto
pace diritti umani