A A+ A++

Commercio equo e solidale e Rete Veneto Equo

Interventi per il sostegno alle organizzazioni del commercio equo e solidale

Con l’adozione della legge regionale 22 gennaio 2010, n. 6 la Regione del Veneto “riconosce il valore sociale e culturale del commercio equo e solidale quale forma di cooperazione volta a realizzare scambi commerciali con produttori di Paesi in via di sviluppo che valorizzano produzioni, tradizioni e culture autoctone, al fine di valorizzare attività produttive volte a consentire l’accesso al mercato a produttori marginali, a perseguire uno sviluppo sostenibile e un modello produttivo fondato sulla cooperazione e attento a salvaguardare i diritti dei lavoratori che prestano la loro opera in tali attività” (art. 1).

La legge si propone di sostenere iniziative per diffondere in Veneto la conoscenza della realtà del Commercio Equo e Solidale, di accrescere nei consumatori la consapevolezza delle proprie scelte di consumo, affinché prendano in esame la qualità del prodotto, ma anche gli effetti sociali ed ambientali derivanti dalla sua produzione e commercializzazione (art. 6).

La legge ha istituito l’Elenco regionale delle organizzazioni del commercio equo e solidale (art. 4). All’elenco si possono iscrivere le organizzazioni di Commercio Equo e Solidale che non abbiano scopo di lucro, siano organizzate in forma collettiva, siano dotate di uno statuto che sancisce un ordinamento a base democratica e operino in forma stabile nel territorio.

A seguito dell’entrata in vigore della L.R. n. 6/2010 si è costituita la Rete Veneto Equo, una rete di cooperative e associazioni operanti nel settore che lavorano in sinergia nella realizzazione di attività informative ed educative nel territorio del Veneto.

 


regione del veneto
pace diritti umani