A A+ A++

Commissione per la Democrazia attraverso il diritto del Consiglio d'Europa

(Commissione di Venezia)

L'art. 7 della L.R. n. 21/2018 prevede la partecipazione della Regione del Veneto alle attività della Commissione di Venezia:

1. La Regione del Veneto sostiene le attività della Commissione europea per la democrazia attraverso il diritto definita anche "Commissione di Venezia" dall’articolo 3 dello statuto della medesima, approvato dal Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa.
2. Per il fine di cui al comma 1 la Regione contribuisce all'organizzazione delle riunioni a Venezia della Commissione.
3. La Regione si avvale della collaborazione tecnico-scientifica della Commissione per studi e pareri su materie di competenza della Commissione, oggetto della presente legge e di competenza della stessa.

La Commissione, istituita nel 1990, è un organo consultivo del Consiglio d'Europa che opera nei seguenti settori:

  • assistenza costituzionale;
  • elezioni e referendum;
  • cooperazione con le corti costituzionali;
  • studi, rapporti e seminari transnazionali.

Concepita inizialmente come strumento d’ingegneria costituzionale di emergenza, in un contesto di transizione democratica dei paesi dell'Europa centrale e orientale, la Commissione ha visto la propria attività evolvere progressivamente sino a diventare un'istanza di riflessione giuridica indipendente, internazionalmente riconosciuta.

La Commissione contribuisce in modo significativo alla diffusione del patrimonio costituzionale europeo, che si basa sui valori giuridici fondamentali del continente, e garantisce agli Stati un "sostegno costituzionale".

Inoltre, la Commissione di Venezia, elaborando norme e consigli in materia costituzionale, svolge un ruolo essenziale nella gestione e prevenzione dei conflitti.

Aggiornato il

22/8/2018

regione del veneto
pace diritti umani