A A+ A++

Manifesto sulla violenza di genere presentato a Timor-Est. Immagine in bianco e nero dell'ombra di una mano e del profilo sfumato di una persona.
© UN Photo/Martine Perret

Gruppo di esperti sulla lotta alla tratta di esseri umani (GRETA)

Questa scheda presenta la composizione, le funzioni e l'attività del Gruppo di esperti sulla lotta alla tratta di esseri umani, recentemente istituito ai sensi della Convenzione sulla lotta contro la tratta del Consiglio d'Europa del 2005. Cenni relativi al futuro dialogo tra il Gruppo di esperti e l'Italia sono forniti alla fine della scheda.

Autore: Pietro de Perini, MA in Istituzioni e politiche dei diritti umani e della pace, Università di Padova / Ph.D Candidate, City University, London

Il Gruppo di esperti (GRETA) è stato istituito ai sensi dell’art. 36 della Convenzione del Consiglio d’Europa sulla lotta contro la tratta di esseri umani e ha la funzione, assieme a un Comitato composto dai rappresentanti presso il CM degli Stati parte della Convenzione, di monitorare l’applicazione degli obblighi contenuti nella Convenzione.

Il GRETA è composto di 15 esperti indipendenti con riconosciuta competenza nel campo dei diritti umani, dell’assistenza e protezione delle vittime di tratta, o esperienza professionale nelle aree coperte dalla Convenzione.

La procedura di monitoraggio è divisa in cicli di quattro anni ciascuno. Il Gruppo di esperti comincia il dialogo con i Paesi interessati attraverso la somministrazione di un questionario, seguito poi da eventuali richieste di informazioni. Se considerato necessario dal GRETA, ulteriori informazioni possono essere richieste a organizzazioni di società civile oppure reperite attraverso visite nel Paese. La bozza di rapporto viene inviata allo Stato interessato per ottenere commenti. Quando li riceve, il Gruppo prepara un rapporto finale con le proprie conclusioni e lo spedisce al Paese interessato e al Comitato delle Parti, che può adottare raccomandazioni sulla base di quanto contenuto nel documento. Ciascun Paese nomina una contact person che coopera con il Gruppo di esperti, distribuendo il questionario ai diversi organismi nazionali interessati, coordinando le loro risposte e inviando al GRETA una versione consolidata dei commenti al questionario.

Il primo ciclo di monitoraggio copre il periodo 2010-2013 ed è cominciato con l’analisi dei primi dieci Paesi che hanno ratificato la Convenzione sulla lotta alla tratta di esseri umani.

Il GRETA e l'Italia

L'Italia ha ratificato la Concezione sulla lotta alla tratta di esseri umani nel novembre del 2010.

Secondo il calendario attuale, il Paese è incluso nel quarto gruppo di Stati e verrà sottoposto al ciclo di monitoraggio assieme ad Andorra, San Marino e Ucraina.

Dal 2 al 6 dicembre 2013 si è svolta la prima visita di valutazione del GRETA in Italia. La delegazione ha tenuto consultazioni con funzionari del Dipartimento per le pari opportunità, di alcuni Ministeri, dei Carabinieri, della Direzione nazionale anti-mafia, della Guardia di Finanza e dell'ISTAT. La delegazione si è inoltre recata a Bari, L'Aquila, Lecce, Martinsicuro (TE), Napoli, Padova e Venezia dove ha incontrato rappresentanti delle forze dell'ordine, dell'Ispettorato del lavoro, funzionari coinvolti nella lotta contro la tratta di esseri umani,  esponenti della società civile e dell'Università, nonché rappresentanti dell'Organizzazione internazionale dei migranti (OIM) e dello UNHCR.

Aggiornato il

13/12/2013

regione del veneto
pace diritti umani