A A+ A++

L'Unione Europea e i diritti umani
© European Union

Rappresentante speciale per i diritti umani

La scheda presenta sinteticamente il mandato e gli obiettivi del Rappresentante speciale dell'Unione Europea per i diritti umani, figura istituita nel 2012 con decisione del Consiglio dell'UE.

Autore: Claudia Pividori (PhD in Ordine Internazionale e Diritti Umani, Università La Sapienza, Roma)

Figura istituita dal Consiglio dell’UE con decisione 2012/440/PESC del 15 luglio 2012, il Rappresentante Speciale dell’Unione Europea per i diritti umani  ha il compito, tra gli altri, di rafforzare il dialogo con tutti gli attori coinvolti e rilevanti per la politica dell’UE sui diritti umani, tra cui naturalmente le organizzazioni internazionali, gli Stati ma anche le organizzazioni della società civile.

Tra gli obiettivi del Rappresentante Speciale vi sono quelli di contribuire all’attuazione della politica dell’Unione sui diritti umani, definire orientamenti e strumenti dell’Unione in materia di diritti umani e diritto internazionale umanitario e dare maggiore coerenza alle azioni dell’UE volte a proteggere i diritti e le libertà fondamentali.

Scopo ultimo del mandato del Rappresentante Speciale, in consonanza con quanto stabilito nel Quadro strategico e nel Piano d’azione sui diritti umani e la democrazia, è quello di rafforzare l’efficacia, la presenza e la visibilità dell’Unione per la protezione e promozione dei diritti umani, potenziandone allo stesso tempo il contributo e migliorando la coerenza della sua azione.

Il mandato del Rappresentante Speciale per i diritti umani, primo nella storia dell'UE a essere definito dal tema e non dalla zona geografica, si svolge sotto la supervisione dell’Alto Rappresentante per gli affari esteri e la politica di sicurezza operando in pieno coordinamento con il Servizio europeo per l’azione esterna. Il Comitato politico e di sicurezza del Consiglio gli fornisce orientamenti strategici.

Nominato il 1 settembre 2012, il primo a ricoprire tale incarico è il greco Stavros Lambrinidis. Il suo primo mandato, scaduto il 28 febbraio 2015, è stato prorogato fino al 28 febbraio 2019.

Risorse

Aggiornato il

10/4/2017

regione del veneto
pace diritti umani