A A+ A++

Sedia realizzata con armi di piccolo calibro in laboratori di formazione per fabbri apprendisti e in ambito artistico, dal quale è scaturita l’esposizione ‘To Be Deter-mined / At Arms Length’ realizzata nell’ambito di un progetto promosso dal Governo della Cambogia in collaborazione con l’Unione Europea (1998).

Regimi multilaterali di controllo sull’esportazione di armi e materiale nucleare

Questa scheda descrive brevemente i due regimi multerali di controllo noti come il Comitato Zangger e il Gruppo dei fornitori nucleari (Nuclear Suppliers Group - NSG)

Autore: Centro diritti umani

Al di fuori dei meccanismi istituiti in sede Nazioni Unite, gli Stati hanno sviluppato nel corso degli anni un sistema internazionale di controlli sulle esportazioni di beni e tecnologie nucleari. Sono stati istituite nel corso degli anni settanta delle specifiche forme di cooperazione, fondate su accordi politici e non giuridici. Si tratta dei due regimi multilaterali noti come il Comitato Zangger e il Nuclear Suppliers Group (NSG -- Gruppo dei fornitori nucleari).

Il Comitato Zangger trae origine dall’esigenza di alcuni Stati di stabilire quali fossero nello specifico i materiali e le tecnologie nucleari che non potevano essere esportati verso uno Stato non militarmente nucleari, secondo quanto sancito dall’art.III (2) del Trattato di non proliferazione nucleare. A tale proposito, si svolsero alcuni incontri informali dal 1971 al 1974, presieduti dallo svizzero Claude Zangger. I lavori del Comitato Zangger condussero all’elaborazione di una serie di principi concernenti i controlli all’esportazione verso Stati non militarmente nucleari e non membri del TNP e di una lista di “attrezzature o materiali specialmente progettati o preparati per trattare, utilizzare o produrre materiale fissile speciale” (trigger list). Sono oggi 37 gli Stati che fanno parte del Comitato Zangger che si riunisce di norma due volte l’anno.

Il Gruppo dei fornitori nucleari fu istituito nel 1975 inizialmente allo scopo di prevenire l’acquisizione di armi nucleari da parte di Stati non militarmente nucleari. Oggi i 46 Paesi membri si impegnano volontariamente al rispetto delle Linee guida in materia di controlli all’esportazione contenute in due documenti. Il primo riguarda i trasferimenti di materiale nucleare, il secondo i materiali e tecnologie a duplice uso. È opportune chiarire che per “beni a duplice uso” si intendono i prodotti, inclusi il software, le tecnologie ed i servizi che possono avere un utilizzo sia civile che militare.

Risorse

Aggiornato il

18/10/2010

regione del veneto
pace diritti umani