A A+ A++

La scritta "CONCORD", in scala cromatica giallo, arancio e rosso, è affiancata sopra e sotto dalla denominazione ufficiale della confederazione, in francese ed inglese

La Confederazione delle ONG europee per l’aiuto e lo sviluppo

La Confederazione delle ONG europee per l’aiuto e lo sviluppo (CONCORD) nasce formalmente nel gennaio 2003 subentrando al Comitato di collegamento delle ONG per lo sviluppo (Comité de Liaison ONG Développement, CLONG) creato nel 1976 quando la Comunità europea decideva di creare la prima linea di bilancio nel settore della cooperazione allo sviluppo espressamente dedicata alle ONG. La Confederazione è formata da 18 networks internazionali e da 22 piattaforme nazionali che rappresentano complessivamente oltre 1600 ONG per lo sviluppo.

Tra i suoi obiettivi ci sono quelli di coordinare le attività delle ONG europee per lo sviluppo al fine di influire sulla elaborazione delle politiche UE di cooperazione allo sviluppo e di aiuto umanitario attraverso un dialogo strutturato con le istituzioni europee, rafforzare la legittimità e promuovere gli interessi politici delle ONG europee in quanto partner strategici dell’UE e dei suoi stati membri, accedere in via continuativa ai finanziamenti della Commissione europea, promuovere la qualità del lavoro delle ONG sviluppando in particolare il cosiddetto «capacity building». 

Nel quadro del dialogo con il Consiglio dell’UE, CONCORD è regolarmente invitata alle riunioni dei Council Working Parties per discutere informalmente con i rappresentanti degli stati membri. Nel 2008 CONCORD ha presentato il suo punto di vista al Council Development Working Party (CODEV) su tre questioni principali: gli Economic Partnership Agreements (EPAs), la preparazione dello ACCRA High Level Forum on Aid Effectiveness e la Doha Conference on Financing for Development. La Presidenza francese ha invitato CONCORD a presentare le sue proposte alla sessione di dialogo con il Africa Working Group (COAFR) del Consiglio sull’implementazione della Strategia UE-Africa. Si sono svolti incontri con i rappresentanti permanenti di Slovenia, Regno Unito, Germania, Olanda, Repubblica Ceca e Danimarca. CONCORD è stata invitata a presentare raccomandazioni sulla Conferenza di Doha al Consiglio Informale Sviluppo riunitosi a Bordeaux il 30 settembre 2008.

CONCORD ha incontri regolari con la Commissione europea, in particolare con la DG Sviluppo, EuropeAid, la DG Giustizia, la DG Allargamento e la DG Bilancio. Si segnala la creazione nel 2007 dello Stakeholders Advisory Group (SAG) all’interno della DG Sviluppo per promuovere un dialogo più trasparente e inclusivo tra la Commissione europea e le organizzazioni della società civile. Nel 2008 CONCORD è stata regolarmente invitata ad incontri informali promossi dalla DG Sviluppo per discutere delle questioni principali inserite nelle agende relative all’aiuto umanitario e allo sviluppo.

Numerosi sono anche gli incontri con EuropeAid per discutere sulla qualità e l’efficacia degli aiuti, così come ricca di evidenza empirica è l’esperienza dialogica maturata da CONCOD nel quadro delle relazioni ACP-UE. Significativo è anche il dialogo con la DG Giustizia sul «Code of conduct for non-profit organisations (NPOs) to promote trasparency and accountability best practices». CONCORD partecipa inoltre a incontri e udienze conoscitive con le Commissioni del Parlamento europeo, in particolare con quelle sullo sviluppo, il bilancio e gli affari costituzionali. Per la prima volta nel 2008 CONCORD è stata invitata a partecipare a un gruppo di lavoro sui temi dello sviluppo del Gruppo politico del Partito popolare europeo.
Nel settore dell’aiuto umanitario CONCORD dialoga con la DG ECHO della Commissione europea responsabile dell’assistenza umanitaria alle vittime di conflitti o calamità nei paesi terzi. Allo scopo di garantire una cooperazione strategica con i suoi partner, la DG ECHO organizza annualmente «dialoghi di partenariato strategico» di alto livello con ciascuna organizzazione (agenzie delle NU, ONG e organizzazioni della Croce Rossa).

CONCORD, Annual Report

Aggiornato il

19/4/2010

regione del veneto
pace diritti umani