A A+ A++

Breaking the Cycle: The Sanctity of Human Rights amidst Atrocities

Zaid Eyadat (2011)

Contenuto in:

Pace diritti umani - Peace Human Rights, 3/2011

Tipologia pubblicazione

: Articolo / Saggio

Pagine

: 85-98

Lingua

: IT

Contenuto

Rompere il cerchio: la santità dei diritti umani in mezzo alle atrocità

Questo saggio esamina l'efficacia generale dei metodi tradizionali di risoluzione, gestione e prevenzione dei conflitti, oramai in vigore da decenni, e nota che, generalmente, questi metodi hanno fallito. Ciò non è dovuto al fatto che i conflitti non possano essere prevenuti; piuttosto è l'approccio seguito da questi metodi che necessita di una ridefinizione.

In modo specifico, comunque, la strategia e le politiche per la costruzione della pace in Medio Oriente e in Nord Africa (MENA) devono essere rivalutate sia dagli Stati sia dalle organizzazioni internazionali, a causa dell'eredità fallimentare di questi settori nella regione, specialmente alla luce delle recenti, e tuttora in corso, rivoluzioni arabe. Attraverso un esame degli approcci tradizionali, analizzando la letteratura esistente e casi-studio, il saggio cerca di dimostrare i limiti di quei metodi e di quelle teorie tradizionali che si occupano di conflitti in tutto il mondo, in particolare in Medio Oriente e Nord Africa. Propone un nuovo modello costruito su un approccio solidamente basato sui diritti umani allo scopo di risolvere gli attuali conflitti che il mondo e le regione MENA stanno affrontando. Significativamente, l'articolo sostiene che debbano essere utilizzate tecniche di promozione dei diritti umani dal basso come strumento di giustizia di transizione, dal momento che la maggior parte degli Stati sta subendo rivoluzioni o cambiamenti immensi e, pertanto, le dinamiche in corso richiederanno più che una semplice gestione dei conflitti. In quest'ambito, il riconoscimento e la pratica dei diritti umani sono l'unico modo di raggiungere uno sviluppo a lungo termine in Medio Oriente e Nord Africa, così come nel mondo intero.

Aggiornato il

09/01/2014

regione del veneto
pace diritti umani