A A+ A++

Bambini sui banchi di scuola in una scuola elementare del Nepal.
© UNESCO/René Edde

I diritti umani nel sistema delle Nazioni Unite: i diritti umani dell’infanzia

I diritti dell'infanzia nel sistema delle Nazioni Unite: normativa di riferimento e meccanismi di controllo

Autore: Andrea Cofelice

Dichiarazione universale dei diritti umani
Art. 2: Ad ogni individuo spettano tutti i diritti e tutte le libertà enunciati nella presente Dichiarazione, senza distinzione alcuna, per ragioni di razza, di colore, di sesso, di lingua, di religione, di opinione politica o di altro genere, di origine nazionale o sociale, di ricchezza, di nascita o di altra condizione.

Convenzione sui diritti dell’infanzia
Art. 3. In tutte le decisioni relative ai fanciulli, […] l’interesse superiore del fanciullo deve essere una considerazione preminente.

Introduzione
I “diritti dei bambini” non sono altri e nuovi “diritti umani”, ne sono invece una specificazione che si rende necessaria in ragione della condizione esistenziale, particolarmente vulnerabile, del bambino e del minore. Fino alla discussione ed approvazione della Convenzione sui diritti dell’infanzia, la Comunità Internazionale si era occupata della questione con alcune dichiarazioni sui diritti del bambino (1929, Società delle Nazioni; 1959 NU) e attraverso norme specifiche sui minori in taluni trattati internazionali. Mancava, tuttavia, uno strumento giuridico vincolante per gli Stati, che affrontasse in modo integrale la questione infantile, riconoscendo il fanciullo come soggetto portatore dell’intera gamma dei diritti umani, e non “soltanto” come oggetto di tutela in norme fatte e pensate per gli adulti, come quelle relative all’ambiente familiare. Gli strumenti giuridici generali sui diritti umani che, come il Patto sui diritti civili e politici e quello sui diritti economici sociali e culturali (1966), riconoscono i diritti inerenti ad ogni essere umano, non bastavano a proteggere un gruppo sociale particolarmente vulnerabile, come quello dei bambini. Né tanto meno gli conferivano soggettività. La Convenzione sui diritti dell’infanzia risponde, invece, a tale istanza: si tratta infatti del primo e unico strumento giuridico internazionale legalmente vincolante che incorpora tutti i diritti umani di prima e seconda generazione – i diritti civili, politici, economici, sociali e culturali del bambino – attribuendo eguale importanza a ciascuno di essi.

Normativa: Convenzione sui diritti dell’infanzia
Adottata dall’Assemblea Generale il 20 novembre 1989
Entrata in vigore il 2 settembre 1990
Stati parte: 193
L’Italia ha ratificato in data 5 settembre 1991.

La Convenzione costituisce il trattato maggiormente ratificato nella storia del diritto internazionale. In pratica gode di un consenso universale, dato che è stata ratificata da tutti gli Stati del mondo (193), ad eccezione degli Stati Uniti e della Somalia.

La Convenzione riconosce il bambino come soggetto centrale di diritti umani: in 54 articoli, contiene un ampio repertorio di diritti (sezione I, artt. 1-41), un sistema di garanzie (sez. II, artt.42-45) e norme di attuazione (sez. III, artt. 46-54). I diritti riconosciuti ineriscono ogni aspetto della condizione esistenziale del bambino e perciò riguardano anche le formazioni sociali, come la famiglia e la scuola, in cui la sua crescita ha luogo. Da ciascun diritto enunciato nella Convenzione discendono specifici obblighi, cui gli Stati devono rispondere attraverso adeguate misure amministrative, legislative, giudiziarie e di altra natura. Quattro principi fondamentali aiutano l’interpretazione della Convenzione e costituiscono una guida per l’elaborazione dei programmi nazionali di attuazione:
• Non discriminazione (art. 2);
• Superiore interesse del fanciullo (art. 3);
• Diritto alla vita, alla sopravvivenza e allo sviluppo (art. 6);
• Dovere di ascoltare l’opinione del fanciullo (art. 12).

Alla Convenzione hanno fatto seguito tre Protocolli opzionali: il Protocollo opzionale riguardante il coinvolgimento dei bambini nei conflitti armati ed il Protocollo opzionale riguardante il traffico di bambini, la prostituzione infantile e la pornografia infantile, entrambi adottati nel 2000 entrati in vigore nel 2002; e più recentemente il Protocollo sulle procedure di comunicazione, entrato in vigore nel 2014.

Meccanismi di controllo: Comitato per i diritti dell’infanzia
Il Comitato è composto da 18 esperti indipendenti incaricati di monitorare l’implementazione della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dei suoi Protocolli opzionali da parte degli Stati membri. Il Comitato svolge 3 sessioni all’anno di quattro settimane. In base all’art. 44 della Convenzione, gli Stati parte devono presentare rapporti periodici al Comitato, descrivendo i passi compiuti per attuare la Convenzione. Il primo rapporto deve essere presentato entro due anni dalla ratifica, i successivi ogni 5.

Inoltre, con l’entrata in vigore del terzo protocollo opzionale, il Comitato ha esteso le proprie competenze a: Comunicazioni individuali (art. 5), Comunicazioni inter-statuali (art. 12), Inchieste su gravi e sistematiche violazioni dei diritti del bambino (art. 13).

Si segnala, infine che in ambito NU operano anche il Relatore Speciale sul traffico di bambini, la prostituzione infantile e la pornografia infantile, istituito nel 1990 dalla precedente Commissione sui diritti umani (risoluzione 1990/68), il Rappresentante speciale del Segretario Generale delle NU sul coinvolgimento dei bambini nei conflitti armati, istituito nel 1996 dall’Assemblea Generale (risoluzione 51/77) ed il Rappresentante speciale del Segretario Generale delle NU sulla violenza contro i bambini, istituito nel 2008 dall'Assemblea Generale (risoluzione 62/141).

Aggiornato il

10/1/2014

regione del veneto
pace diritti umani