A A+ A++

Navi Pillay, Alto Commmissario delle Nazioni Unite per i diritti umani
© UN Photo

L’Unità “Istituzioni Nazionali” dell’Ufficio dell’Alto Commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite

Autore: Andrea Cofelice

L’Ufficio dell’Alto Commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite (OHCHR) attribuisce massima priorità alla creazione e al consolidamento delle istituzioni nazionali per i diritti umani, ritenute elementi essenziali per conferire forza ed efficacia al sistema nazionale di protezione dei diritti umani.

Il Piano di gestione strategica 2010-2011 dell’OHCHR identifica, tra gli indicatori del livello di efficacia del proprio impegno globale per la promozione dei diritti umani a livello-paese, il numero di istituzioni nazionali esistenti nel mondo in conformità con i Principi di Parigi.

Gli sforzi attuali dell’OHCHR in quest’area possono essere raggruppati in quattro obiettivi strategici principali:

  1. impegno per Paese: l’OHCHR fornisce consulenza ai Governi sul quadro costituzionale o legislativo idoneo a recepire le nuove istituzioni nazionali e sulla natura, le funzioni, i poteri e le responsabilità delle istituzioni stesse;
  2. leadership: l’OHCHR verifica l’effettiva conformità delle istituzioni nazionali per i diritti umani con i Principi di Parigi e si propone di rafforzare la loro efficacia e indipendenza;
  3. collaborazione: l’OHCHR promuove l’interazione tra le istituzioni nazionali ed i meccanismi internazionali di promozione e protezione dei diritti umani. Consultazioni con le istituzioni nazionali esistenti sono, infatti, una pratica normale per gli organismi di monitoraggio creati da convenzioni, nonché per i Gruppi di lavoro, i Relatori speciali e gli Esperti indipendenti del Consiglio diritti umani. A tal proposito, sin dalle prime sessioni dei lavori del Consiglio, è stato riservato ai rappresentati di dette istituzioni uno spazio specifico di intervento in seduta plenaria (cfr. le Regole di procedura del Consiglio diritti umani – in particolare la n. 7 - contenute nella Risoluzione 5/1 del Consiglio);
  4. partenariato: l’OHCHR promuove forme di partenariato tra le istituzioni nazionali per i diritti umani ed i propri uffici nazionali, le Agenzie specializzate ed i Programmi delle Nazioni Unite che operano sul campo, nonché il Comitato di coordinamento internazionale ed i vari organi regionali di coordinamento delle istituzioni nazionali per i diritti umani.

All’interno della Divisione Operazioni sul campo e Cooperazione tecnica dell’Ufficio dell’Alto Commissario opera l’Unità "Istituzioni Nazionali", con il mandato specifico di supportare le istituzioni nazionali per i diritti umani. In particolare, l’Unità fornisce supporto giuridico e assistenza tecnica alle istituzioni nazionali, al Comitato di coordinamento internazionale ed ai vari uffici di coordinamento regionali, al fine di assicurare che le istituzioni nazionali siano istituite ai sensi dei Principi di Parigi e che possano lavorare in maniera credibile e d efficace per garantire i diritti umani sul campo. 

L’Unità, inoltre, assiste le istituzioni nazionali ad affrontare attivamente gli aspetti più delicati relativi alla tutela dei diritti umani (come, ad esempio, la prevenzione della tortura e dei trattamenti inumani e degradanti, le esecuzioni sommarie, la detenzione arbitraria e le sparizioni forzate, o la tutela dei difensori dei diritti umani); a contribuire alla promozione dello stato di diritto; a lottare contro l’impunità; a completare le azioni dei meccanismi internazionali sui diritti umani; a stabilire una partnership strategica con la società civile ed il sistema internazionale dei diritti umani.

Risorse

Aggiornato il

1/4/2010

regione del veneto
pace diritti umani