A A+ A++
Manoscritti di versioni provvisorie della Dichiarazione universale dei diritti umani, durante i lavori di redazione del testo.
© UN Audiovisual Library

Protocollo IV relativo alle armi laser accecanti (1995)

Data di adozione

13/10/1995

Data di entrata in vigore

30/7/1998

Organizzazione che ha prodotto il documento

ONU - Organizzazione delle Nazioni Unite

Annotazioni

Ginevra, 13 ottobre 1995. Entrata in vigore internazionale: 30 luglio 1998.

Testo in lingua originale (inglese)

Stato delle ratifiche

Riserve e dichiarazioni

Annotazioni relative all'Italia

Autorizzazione alla ratifica e ordine di esecuzione in Italia dati con legge n. 290 del 30 luglio 1998 (Gazzetta Ufficiale n. 193 Suppl.Ord. del 20 agosto 1998). Data della ratifica: 13 gennaio 1999. Entrata in vigore per l'Italia dal 13 luglio 1999.

Allegati


Protocollo IV relativo alle armi laser accecanti (1995)

Articolo 1.

È vietato impiegare armi laser specificamente concepite in modo tale che la loro unica funzione di combattimento o una delle loro funzioni di combattimento sia di provocare la cecità permanente delle persone la cui vista non è protetta, ossia che guardano a occhio nudo o che portano lenti correttrici. Le Alte Parti contraenti non trasferiscono simili armi ad alcuno Stato né ad alcuna entità che non sia uno Stato.

Articolo 2.

Nell'impiego dei sistemi laser, le Alte Parti contraenti prendono tutte le precauzioni possibili per evitare i casi di cecità permanente di persone la cui vista non è protetta. Simili precauzioni comprendono l'istruzione delle loro forze armate e altre misure pratiche.

Articolo 3.

La cecità in quanto effetto fortuito o collaterale dell'impiego militare legittimo di sistemi laser, compresi i sistemi laser utilizzati contro i dispositivi ottici, non è oggetto del divieto enunciato nel presente Protocollo.

Articolo 4.

Ai fini del presente Protocollo, con "cecità permanente" si intende una perdita della vista irreversibile e non correggibile, che è gravemente invalidante e senza alcuna prospettiva di recupero. Un'invalidità grave equivale a un'acuità visiva inferiore a 20/200, misurata ai due occhi con l'aiuto del test di Snellen.

Aggiornato il

27/01/2017

regione del veneto
pace diritti umani