A A+ A++
UniPD, We are the World, we are UniPD, 2017

We are the World, we are UniPD

Spettacolo di beneficenza su musiche di Michael Jackson.

Venerdì 27 gennaio 2017, ore 21.00, Padova

Kioene Arena (ex PalaFabris)

via S. Marco, 53

Padova (Padova)

Sugli arrangiamenti vocali del coro Polifonia, gli ospiti, Vittorio Matteucci, Chiara Luppi, Stevie Biondi, Marco e Pippo e tanti altri andranno ad integrare la conduzione di Leandro Barsotti e si esibiranno sotto la direzione artistica di Barbara Capaccioli.

Partendo da una positiva sperimentazione didattica che ha visto coinvolti Sammy Basso, studente con Progeria (una rara malattia genetica che causa invecchiamento precoce) e i docenti del Corso di Laurea in Scienze Naturali, si raccoglieranno fondi per sostenere e promuovere un progetto inclusivo, a favore di studenti con disabilità, dell’Ateneo di Padova e per favorire l’accessibilità, secondo le linee programmatiche del progetto Università Inclusiva (link nel box sottostante). Parteciperanno anche Daniel Morandin, campione mondiale di pattinaggio artistico, Francesco Bettella, ingegnere laureatosi presso il nostro Ateneo e doppio argento alle Paraolimpiadi di Rio 2016, Rossano Galtarossa e tanti altri sportivi.

L'evento è sostenuto dall'Università di Padova, dalla Regione del Veneto, dalla Provincia di Padova, dai comuni di Padova e Montegrotto e da sette Onlus (A.I.Pro.Sa.B, Ail - Sezione di Padova, Aism, UILDM, Città della speranza, Comunità di Sant’Egidio, Duchenne Parent Project) e l’associazione ARCS (Associazione Ricreativa Culturale Sportiva dell’Università di Padova). 

L’organizzazione è curata dalle associazioni Vox Inside e A.I.Pro.Sa.B..

Ente promotore

Università di Padova

Informazioni

Biglietteria on-line: http://www.vox-inside.it/biglietti Costo Biglietto: €12,00 - €20,00 - €25,00 più diritti di prevendita Punti vendita: Associazione ARCS dell’Università di Padova, Atelier Silvy Spose, Padova - 049 8726787, KalaMitica, Ponte San Nicolò - 049 8968061 Informazioni: 339 2545866 - 338 8592848

regione del veneto
pace diritti umani