A A+ A++
15/3/2014
Logo dell'Anno Internazionale di solidarietà con il popolo palestinese- 2014
http://unispal.un.org/

2014 - Anno internazionale di solidarietà con il popolo palestinese: iniziative di Lega Araba e Nazioni Unite

Nel mese di marzo si tengono due importanti iniziative in occasione delle celebrazioni per l’Anno internazionale di solidarietà con il popolo palestinese.
Il 10 marzo al Cairo (Egitto) si terrà un incontro congiunto a livello ministeriale tra il Comitato per l’esercizio dei diritti inalienabili del popolo palestinese e la Lega degli Stati Arabi.
Nei giorni 25 e 26 marzo avrà luogo a Quito (Equador) un incontro internazionale organizzato dalle Nazioni Unite. In tale occasione si discuterà, in particolare, delle opportunità e degli ostacoli presenti nelle proposte portate avanti dall’America Latina e dai Caraibi per il raggiungimento della pace nel conflitto israelo-palestinese.
Il 2014 è stato dichiarato Anno internazionale di solidarietà con il popolo palestinese dall’Assemblea Generale delle Nazione Unite con risoluzione A/68/L.12/add1 (26 novembre 2013). L’organizzazione per la promozione di questo anno internazionale è stata affidata al Comitato per l’esercizio dei diritti inalienabili del popolo Palestinese, alla Divisione per i diritti dei palestinesi (UNDPR), e al sistema informativo delle Nazioni Unite sulla questione palestinese (UNISPAL). Il Programma speciale di informazione sulla questione palestinese del Dipartimento di Pubblica Informazione delle Nazioni Unite (DPI) è stato invitato a sviluppare, con il supporto della società civile, attività di informazione ed eventi di discussione per la promozione della pace e della tolleranza nell’area coinvolta nel conflitto.

Oltre ad essere dedicato alla solidarietà con il popolo palestinese, il 2014 è stato dichiarato anche Anno internazionale dell'agricoltura familiare (A/RES/67/222), Anno internazionale dei piccoli stati insulari in via di sviluppo (A/RES/67/206) e Anno internazionale della cristallografia (A/RES/67/206).

regione del veneto
pace diritti umani