A A+ A++
2/11/2011
Logo ufficiale dell'Associazione delle Agenzie della Democrazia Locale (ALDA)
© ALDA

ALDA: aperta una nuova sede in Armenia

Lo scorso 28 ottobre 2011 a Gyumri, Armenia, è stata ufficilamente inaugurata una nuova Agenzia della democrazia locale (ADL). Si tratta della seconda Agenzia nel Caucaso meridionale e la tredicesima aperta da ALDA – l'Associazione delle Agenzie della democrazia locale.

In occasione della cerimonia d'apertura si è tenuta una conferenza che ha visto la partecipazione di autorità locali, ong, cittadini e rappresentanti internazionali attivamente coinvolti nei temi di governo locale per discutere e imparare buone pratiche per la partecipazione dei cittadini nella vita civile. La conferenza si è tenuta anche nel quadro della Settimana europea della democrazia locale, manifestazione promossa dal Consiglio d'Europa.

La nascita di una nuova sede dell'Agenzia della democrazia locale nel Caucaso ha l'obiettivo di sostenere, nel lungo periodo, il processo di democratizzazione, stabilità e sviluppo del paese armeno, incoraggiando la creazione di meccanismi di decentralizzazione dei poteri e di sviluppo delle capacità amministrative al livello locale; tutti fattori da sviluppare assieme ad una capace e vitale società civile.

Il percorso che ha portato alla creazione della sede di Gyumri è iniziato già nel 2008 e ha portato a scegliere la città di Gyumri, la seconda del paese, per permettere all'Agenzia di avere una notevole visibilità a livello nazionale. Inoltre, il gemellaggio di Gyumri con Kutaisi, Georgia – dove nel 2006 è nata la prima sede ADL del Caucaso – può facilitare lo sviluppo di una cooperazione tra le due città, come ha dichiarato il Presidente di ALDA, Per Vinther.

Gli obiettivi principali che si pone l'ALDA in Caucaso sono:

  • facilitare la partecipazione della società civile nei processi decisionali a livello locale, fare accrescere l'interesse, il coinvolgimento e le competenze delle comunità locali, e la capacità delle autorità locali di rispondere ai bisogni dei loro cittadini. In tal modo si faciliterà anche l'esercizio pratico di una politica di condivisione tra cittadini ed autorità;
  • sostenere lo sviluppo di capacità della società civile e delle autorità locali e svolgendo attività a livello locale mediante iniziative di formazione, visite di studio ed altri metodi partecipativi;
  • promuovere il rispetto dei diritti umani e lo sviluppo sostenibile come parte integrante della difesa della democrazia e dell'autonomia locale;
  • fare da ponte tra l'Europa e l'Armenia al fine di portare le capacità armene in Europa e l'esperienza europea in Armenia;
  • assicurare la cooperazione transfrontaliera nel Sud del Caucaso e lavorare per promuovere la pace e la comprensione reciproca nella regione.

Nel perseguimento di tali obiettivi l'ADL di Gyumri sarà sostenuta da diversi partner internazionali: la Regione Rhône-Alpes (Francia), la Regione Friuli Venezia Giulia (Italia), il Comitato internazionale per lo sviluppo dei popoli CISP (Italia), l'Unione dei comuni armeni, la Fondazione per lo sviluppo urbano sostenibile (Armenia), l'associazione giornalisti APSAREZ (Armenia) ed i comuni di Gyumri e Ijevan (Armenia).

L'ALDA è una organizzazione non governativa dedicata alla promozione della good governance e della partecipazione dei cittadini a livello locale. Promuove attività intese a facilitare la cooperazione tra autorità locali e società civile. È presente nei 27 membri dell'Unione Europea per promuovere la partecipazione dei cittadini nella sfera pubblica e nella formazione delle politiche europee; è presente anche nei paesi vicini - ad esempio, Bielorussia, Algeria, Marocco, Tunisia, Turchia e Georgia - per promuovere la democrazia locale dal basso con il coinvolgimento dei cittadini e dei diversi attori interessati. ALDA è stata fondata nel 1999 per iniziativa del Congresso delle autorità locali e regionali del Consiglio d'Europa per coordinare e sostenere la rete delle Agenzia per la democrazia locale costituita all'inizio degli anni novanta. ALDA raccoglie più di 150 membri (che comprendono autorità locali, associazioni di autorità locali e ong) provenienti da più di 30 paesi diversi.

regione del veneto
pace diritti umani