A A+ A++
16/5/2013
Nuovo logo della Fondazione Euromediterranea Anna Lindh per il Dialogo tra le Culture, 2012
© Anna Lindh Foundation

Cinque giornate per le comunità mediterranee. 21-25 maggio 2013

Si terranno a Forte Marghera (Venezia), tra il 21 e il 25 maggio, le Cinque giornate per le comunità mediterranee. L'iniziativa prevede numerosi incontri internazionali nonché proiezioni ed eventi informativi e promozionali dedicati alla regione mediterranea e alle sue popolazioni.

Fulcro delle cinque giornate sarà l’Assemblea generale della rete italiana Anna Lindh, composta, ad oggi, da 401 tra organizzazioni non governative e istituzioni pubbliche e private. La rete italiana è una delle 43 reti nazionali che aderiscono alla Fondazione Anna Lindh, principale organismo per la promozione del dialogo interculturale nella regione euromediterranea.

L’assemblea generale si svilupperà nell'arco delle ultime due giornate (venerdì 24 e sabato 25). La prima avrà un respiro più tecnico, alla luce degli interventi di autorità politiche, culturali, civili e religiose; la seconda si svolgerà sotto forma seminariale.

Tra i numerosi partecipanti a questo evento, è prevista la presenza della Presidentessa della Camera dei Deputati, Laura Boldrini e del Presidente della Commissione cultura dell'Assemblea Parlamentare dell'Unione per il Mediterraneo, Khalid Chaouki.

Il Centro Diritti Umani dell'Università di Padova, in qualità di membro della rete italiana Anna Lindh, parteciperà con una delegazione alle cinque giornate e all'Assemblea generale.

L'iniziativa è aperta a tutta la società civile e, in particolare, è gradita la presenza degli studenti. Per partecipare è necessario iscriversi, gratuitamente, all'indirizzo indicato nel box sottostante, che fornisce anche ulteriori informazioni sul programma.

Tra i numerosi promotori dell'iniziativa figurano i tre capofila della rete italiana Anna Lindh (Fispmed onlus, Fondazione Mediterraneo e Istituto Paralleli), Habitat World, Re.na.i.a. e Confocooperative Veneto.

regione del veneto
pace diritti umani