A A+ A++
13/4/2015
Una folla di giornalisti durante le elezioni presidenziali in Costa D'Avorio, 2010
© UN Photo/Basile Zoma

Consiglio d’Europa: una nuova piattaforma online per proteggere il giornalismo e i giornalisti

Il 2 aprile 2015 il Consiglio d’Europa, insieme a cinque organizzazioni partner (Articolo 19, Associazione dei giornalisti europei, Federazione europea dei giornalisti, Federazione Internazionale dei giornalisti e Reporter senza frontiere), ha lanciato una piattaforma on-line creata per promuovere la protezione del giornalismo e la sicurezza dei giornalisti.

Preoccupanti dati testimoniano infatti che, in tutta Europa, i giornalisti e gli altri operatori del settore media subiscono persecuzioni, aggressioni e minacce, sono privati della libertà e a volte persino uccisi in ragione del lavoro che svolgono e del servizio che offrono alla società.

La piattaforma è progettata per raccogliere, trattare e diffondere informazioni su fatti concreti, già verificati dalle organizzazioni partner, su situazioni riguardanti gravi minacce all’integrità fisica dei giornalisti e altri professionisti del settore, minacce alla confidenzialità delle fonti e altre forme di intimidazione politica o giudiziaria.

Tale iniziativa permetterà al Consiglio di porre in evidenza le minacce alla libertà dei media e dei diritti dei giornalisti e reagire ad esse in maniera efficace avviando, tra le altre cose, un dialogo con gli Stati coinvolti. Anche le azioni di follow-up saranno riportate tra le informazioni relative ai vari casi. 

La piattaforma presenta un database consultabile utilizzando diversi filtri tra cui il paese coinvolto, il tipo di atti commessi contro i giornalisti, la fonte delle minacce, etc…

Ad una settimana dal suo lancio, sulla piattaforma sono stati segnalati 42 casi che riguardano 13 diversi paesi membri del Consiglio d’Europa.

regione del veneto
pace diritti umani